Ti trovi qui
Home > Apertura > Turista olandese scivola su una lastra di ghiaccio sull’Etna: ricoverata in codice rosso

Turista olandese scivola su una lastra di ghiaccio sull’Etna: ricoverata in codice rosso

Dissaventura per una turista olandese scivolata su una placca di ghiaccio mentre si trovava in esplorazione con il marito alle pendici dell’Etna.

CATANIA

Dissaventura per una turista olandese scivolata su una placca di ghiaccio mentre si trovava in esplorazione con il marito alle pendici dell’Etna.

La donna è stata assistita dai finanzieri del Soccorso alpino della guardia di finanza di Nicolosi, insieme ai volontari del Soccorso alpino e speleologico siciliano e da un’eliambulanza del Sues 118 di Catania.
La coppia era partita da Taormina in mattinata ed entrambi si erano avventurati per uno dei sentieri dell’Etna, cioè quello che dalla Serra delle Concazze, passando per Rocca della Valle, porta all’osservatorio di Pizzi Deneri, alla quota di 2.847 metri. Dopo una breve sosta in quota, hanno deciso di iniziare la discesa sul ripido canalone ‘Quarant’ore’ ignorando i possibili pericoli dovuti alle nevicate.
Percorsi alcuni metri di discesa, la donna è scivolata su una placca di ghiaccio ed è precipitata a valle per 300 metri. E’ stato il marito a conttatare il 112 e la sala operativa del 118 che hanno subito allertato i militari della stazione del Sagf di Nicolosi e il personale del Sass di Etna Nord, mettendo a disposizione una propria eliambulanza.
La turista è stata poi raggiunta dai soccorritori, coperta con speciali teli termici e posizionata su una barella spinale. Al momento del primo soccorso era in preda a uno shock termico. La donna ha riportato diversi traumi ed è stata ricoverata in codice rosso all’ospedale Cannizzaro di Catania.
“Anche alla luce di questo episodio – si legge in una nota – il comando provinciale della guardia di finanza di Catania e il Soccorso alpino e speleologico siciliano, raccomandano la massima prudenza a chi vuole avventurarsi sull’Etna in questa stagione, poiché l’approssimarsi dell’inverno e la ricaduta delle prime nevi sul vulcano, aumentano in maniera significativa il rischio di incidenti”.

15 novembre 2018

Articoli Consigliati

Top