Ti trovi qui
Home > Apertura > Tragedia Casteldaccia, Tar Sicilia: “mai sospesa ordinanza demolizione”

Tragedia Casteldaccia, Tar Sicilia: “mai sospesa ordinanza demolizione”

PALERMO

L’ufficio stampa del Consiglio di Stato e della Giustizia Amministrativa precisa in una nota che “il Tar Sicilia – Palermo non ha mai sospeso l’ordinanza di demolizione del sindaco dell’immobile sito in contrada Cavallaro a Casteldaccia, in cui sabato notte 9 persone sono morte travolte dalla piena del fiume Milicia”. Il Comune, che aveva emesso il provvedimento di abbattimento, avrebbe dovuto demolire l’immobile anche se i proprietari avevano fatto ricorso al tribunale amministrativo contro la demolizione.

Intanto le salme delle nove vittime  sono state portate nella parrocchia Madonna di Lourdes in piazza Ingastone a Palermo. Nella chiesa è allestita la camera ardente. I funerali si svolgeranno domani mattina, alle ore 11, all’interno della Cattedrale del capoluogo siciliano.

A Corleone invece continuano ininterrottamente le ricerche del medico palermitano Giuseppe Liotta, scomparso durante il nubifragio di sabato scorso. Il medico quarantenne era partito da Palermo per raggiungere l’ospedale di Corleone. In queste ore si stanno alzando i droni della polizia per sorvolare la zona. Sabato, Liotta stava percorrendo la statale 118 e per raggiungere Corleone ha preso una stradina, la provinciale 96, che porta alla vecchia strada ferrata. Nei pressi del Ponte del Drago, attraversato dal torrente Belice Sinistro, l’auto è finita fuoristrada spinta dall’acqua che ha invaso la carreggiata. Liotta ha telefonato alla moglie per farsi localizzare attraverso il cellulare e poi ha chiuso a chiave l’auto, una Volkswagen Tiguan, per cercare riparo altrove. Da quel momento non si sono più avute sue notizie.

05 novembre 2018

 

Articoli Consigliati

Top