Ti trovi qui
Home > Cronaca > Disabili: Sbloccati 49 milioni per gli assegni di cura sino a luglio

Disabili: Sbloccati 49 milioni per gli assegni di cura sino a luglio

Obiettivo raggiunto per Davide Faraone che, dopo 9 giorni, sospende lo sciopero della fame portato avanti per tutelare i diritti dei disabili.

PALERMO 

 

Obiettivo raggiunto per il senatore del PD, Davide Faraone che, dopo 9 giorni, sospende lo sciopero della fame portato avanti per tutelare i diritti dei disabili.

“Dopo nove giorni sospendo il digiuno, alcuni obiettivi li abbiamo centrati, altri restano ancora un’incognita ed è per questo che non molleremo. Farò la staffetta con i tanti che in queste ore hanno aderito allo sciopero del fame a rotazione perché la partita non è chiusa”. Lo ha detto Faraone, dopo che l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha annunciato che sono stati emessi i mandati per tutti gli aventi diritto. “Questo mi consente di riprendere le forze e di evitare che i medici mi prendano di peso e mi portino in ospedale. Oltre cinquanta parlamentari e tanti cittadini hanno aderito all’iniziativa nonviolenta e abbiamo un calendario pieno per i prossimi mesi. Ieri – ha aggiunto – sono stati sbloccati i 49 milioni per gli assegni di cura sino a luglio. Nove giorni fa, quando abbiamo iniziato lo sciopero della fame, tantissimi ancora non avevano neppure ricevuto i soldi di settembre 2017. Bene. Ieri il presidente della Regione ha trasmesso il decreto. Quando nove giorni fa abbiamo iniziato il digiuno non c’era. Da ieri è in commissione. Lo vedremo e valuteremo se va bene, non accetteremo alcun ridimensionamento”. “Oggi l’assessore alla sanità – ha continuato Faraone – ha detto che nei contratti dei nuovi direttori generali delle ASP ci sarà una norma che imporra la tempestività nell’erogazione delle somme ai disabili, pena la decadenza dei direttori. Bene. Per mesi e mesi abbiamo assistito a procedure lente e contraddittorie. Aspettiamo i fatti. Occorre anche una circolare assessoriale che uniformi le procedure in tutte e nove le aziende sanitarie”.

20 luglio 2018

Articoli Consigliati

Top