Ti trovi qui
Home > Altri Sport > Chi “scende” e chi “sale”, la stagione agrodolce del basket siciliano

Chi “scende” e chi “sale”, la stagione agrodolce del basket siciliano

Sorrisi e delusioni, per una parte di Sicilia che festeggia ce n’è stata un’altra che ha vissuto momenti drammatici, è un grosso calderone di emozioni quello che ha segnato la stagione sportiva appena messa agli archivi per le realtà siciliane di pallacanestro.

Partiamo dalla massima serie e dalla pagina importante di storia che, nonostante il risultato, ha scritto la Virtus Eirene Ragusa. Le aquile ragusane allenate da coach Gianni Recupido hanno vissuto una stagione incredibile, impreziosita da una fase playoff che sarebbe potuto divenire leggendaria in caso di titolo. Lo scudetto ha preso la via di Schio solo al termine dell’ultima e decisiva gara 5. Rimane un pizzico di amarezza ma la grande consapevolezza di aver superato ogni pronostico e previsione, il prossimo anno i bianco-verdi potrebbero partire con migliori convinzioni e motivazioni.

Peggio è andata all’altra realtà cestistica della massima serie. Nel campionato di A maschile l’Orlandina non è riuscita a ripetere la grande annata 2016-17 culminata con l’accesso alla fase playoff. Questa stagione ha riservato molte più ombre che luci per i paladini, i quali hanno visto svanire definitivamente il target salvezza a Cremona e hanno chiuso all’ultimo posto con appena 7 vittorie il campionato. Retrocessione in serie A2 che rammarica una piazza che respira basket e quest’anno aveva pure fatto conoscenza con l’atmosfera delle competizioni europee.

E proprio in Serie A2, stavolta in campo femminile stava per realizzarsi il sogno dell’Andros Basket Palermo. Le atlete palermitane di Santino Coppa hanno sfiorato la promozione in serie maggiore e si sono arrese solo in finale a Faenza. In ambito maschile, e scendiamo ancora di categoria, il grande traguardo l’ha centrato l’Alfa Basket, centrando la promozione in Serie B grazie alla vittoria del concentramento nazionale. Un percorso in piena salita quello della società del presidente Torrisi, pronto a stupire anche in una categoria più impegnativa e contro formazioni sulla carta ben attrezzate.

13 giugno 2018

Articoli Consigliati

Top