Ti trovi qui
Home > Apertura > Furti, estorsioni, intimidazioni: blitz con sette fermi

Furti, estorsioni, intimidazioni: blitz con sette fermi

PALERMO

Sgominata la banda che seminava il terrore a Camporeale

I fermati sono Maurizio Mulé, 26 anni, di Partinico; Salvatore Lazzara, 30 anni, di Alcamo; Barbara Lombardo, 33 anni; Vincenza Ferdico, 24 anni; Francesco Mulè, 28 anni, di Partinico; Calogero Mulè, 30 anni, di Partinico e Vincenzo Mulè, 25 anni, di Alcamo.
L’indagine ha avuto origine lo scorso autunno dopo alcuni incendi dolosi che hanno distrutto auto e autocarri nel territorio di Camporeale. Gli investigatori hanno compreso che era stato instillato un clima di terrore. Alcuni imprenditori vessati avrebbero chiesto, mentre residenti subivano continuamente furti ed estorsioni con l’aggravio della minaccia e costretti a non denunciare.
In un’occasione Mulè vide un imprenditore a cui avevano rubato un attrezzo da lavoro. In un’intercettazione commentava: “Quell’infame ai cui abbiamo rubato il compressore è in caserma e parla con il maresciallo”. E quattro giorni dopo all’imprenditore fu incendiato un autocarro.
La banda metteva a segno furti a ripetizione. Pellet, canne fumarie, attrezzi da lavoro costosi e anche tante olive che poi portavano nei frantoi per la molitura.
Nell’organizzazione, anche le due donne avrebbero avuto un ruolo di primissimo piano sopratutto per l’occupazione abusiva di alcuni alloggi in un complesso residenziale.

4 giugno 2018

Articoli Consigliati

Top