Ti trovi qui
Home > Cronaca > Sequestrati beni per 800 mila euro a nipote boss Ferrera

Sequestrati beni per 800 mila euro a nipote boss Ferrera

CATANIA

Beni mobili ed immobili del valore complessivo di 800 mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Comando provinciale di Catania a Francesco Ferrera, 54enne, nipote del boss Salvatore Ferrera detto ‘Cavadduzzu’, ritenuto esponente della famiglia Santapaola-Ercolano.

Secondo l’accusa avrebbe progettato traffici di stupefacenti e partecipato a riunioni associative con altri clan per risolvere, tra l’altro, questioni collegate ad estorsioni a imprenditori. Indagini patrimoniali hanno evidenziato una sproporzione tra i beni a lui riferibili rispetto ai redditi dichiarati. Il provvedimento è scaturito dalla sussistenza del presupposto della pericolosità sociale dell’uomo, già coinvolto in numerose vicende giudiziarie, condannato il 20 gennaio del 2017 in primo grado a 4 anni per associazione mafiosa.

Sono stati interessati dal sequestro un complesso immobiliare a Viagrande composto da un terreno con piscina (con annesso un piccolo locale) esteso per oltre 1.000 mq; due appartamenti per circa 300 mq; un terreno agricolo di circa 1.000 mq; un frantoio trasformato in sala riunioni/pranzo di 200 mq;, un garage per due posti auto, una garage ad Aci Castello intestato alla moglie e conti correnti in diversi istituti di credito intestati ai componenti del suo nucleo familiare.

22 maggio 2018

Articoli Consigliati

Top