Ti trovi qui
Home > Cronaca > Pregiudicato ucciso a Palermo, picchiato a sangue

Pregiudicato ucciso a Palermo, picchiato a sangue

PALERMO

Non sarebbe stato ucciso con colpi d’arma da fuoco Dino Salvato, il giovane 29enne trovato morto riverso per terra ieri sera, in Fondo Picone, con una ferita alla testa.

L’ispezione sul corpo del medico legale avvenuta a tarda notte avrebbe escluso che siano stati sparati colpi di pistola. Non ci sono, infatti, fori d’entrata e di uscita nella testa. Il giovane, arrivato in Fondo Picone a bordo di una Smart, sarebbe stato picchiato a sangue. Alla fine è stato colpito alla testa con un oggetto che ha provocato una vistosa ferita al cranio. Una ferita che in un primo momento aveva fatto pensare ad un colpo d’arma da fuoco sparato in faccia. Per tutta la notte sono andati avanti gli interrogatori degli agenti che hanno sentito parenti e amici della vittima. Quattro persone sono state portate alla squadra mobile subito dopo il delitto.

Dino Salvato era stato arrestato nel dicembre del 2016 per avere derubato e palpeggiato, insieme al fratello e a un altro ragazzo, alcune giovani alla Vucciria. L’aggressione era avvenuta ad agosto, le giovani si rifugiarono a piazza San Domenico. La folla aiutò proprio Salvato a scappare. E lui per fuggire aveva sferrato anche un pugno a un agente. Le indagini della squadra mobile, poi, erano risalite ai tre.

22 maggio 2018

Articoli Consigliati

Top