Ti trovi qui
Home > Cronaca > Rifugiati ed ex detenuti, il lavoro come mezzo di integrazione

Rifugiati ed ex detenuti, il lavoro come mezzo di integrazione

Favorire l’integrazione di rifugiati politici ed ex-detenuti.

E’ questo l’obiettivo che si pone Fud Bottega Sicula. La nota catena di ristoranti ha, infatti, deciso di potenziare la rete di vendita assumendo 58 persone tra Palermo, Catania e Milano.

Una rete basata sull’importanza delle persone e delle competenze – spiega il fondatore Andrea Graziano – incentrata sulla cura, il rispetto e la valorizzazione del personale in cui il fattore umano fa la differenza. Uno degli obiettivi della selezione delle risorse è, infatti, quello di integrare culture ed estrazioni differenti includendo anche persone con percorsi difficili, sottolinea Graziano. In dettaglio, saranno assunte 35 persone a Milano (15 in cucina e 20 in sala), 12 persone a Catania (10 in sala, 2 in cucina), 1 persona a Catania (Responsabile Social Media Marketing) , 10 a Palermo (2 in cucina e 8 in sala).

E’ possibile inviare la propria candidatura dall’area ‘Lavora con Noi’ del sito: www.fud.it e accedere alla selezione compilando la scheda anagrafica e il test attitudinale.

14 maggio 2018

Articoli Consigliati

Top