Ti trovi qui
Home > Cultura > Sicilia e Africa unite per il “Nimba Etna”. Oggi la presentazione in vista del SabirFest2018

Sicilia e Africa unite per il “Nimba Etna”. Oggi la presentazione in vista del SabirFest2018

CATANIA

Avvicinare l’Africa occidentale e la Sicilia con laboratori musicali nelle scuole. E’ questo il tema del progetto “Nimba Etna” presentato oggi a Catania e parte integrante dell’evento SabirFest 2018 che si svolgerà a Ottobre tra Catania, Messina e Reggio Calabria. 

E’ stato presentato questa mattina in piazza Currò, a Catania, il progetto “Nimba Etna”, promosso da Associazione Musicale Etnea (capofila) e Associazione Youcultures (partner) con il sostegno della SIAE e del Ministero dei Beni Culturali, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la Cultura”. Nel progetto sono coinvolte cinque scuole del Polo catanese di Educazione Interculturale “Global Teacher Center” (Istituto Comprensivo Verga di Viagrande, I.C. Vespucci – Capuana – Pirandello di Catania; I.C. Fontanarossa di Catania; I.C. Cesare Battisti di Catania; Circolo Didattico Teresa di Calcutta di Tremestieri Etneo) e centri di accoglienza CPA e SPRAR (Associazione MetaCometa ONLUS; Consorzio Il Nodo; I.P.A.B. Istituzione Pubblica Assistenza Beneficienza Provvidenza S. Maria del Lume).

Nimba Etna sfocerà infatti in una rassegna musicale che si inserisce nel più ampio contesto del SabirFest 2018 che si svolgerà dal 4 al 7 ottobre tra Catania, Messina e Reggio Calabria. La finalità del progetto, partendo dal confronto tra culture di cui intende valorizzare le pluralità e le diversità mettendo in evidenza ciò che unisce l’Africa al sud dell’Europa e alla Sicilia, è creare un ensemble di percussioni che vede in scena otto donne, italiane e immigrate, under 35, attraverso un ciclo di formazione volto a focalizzare e risvegliare una serie di competenze espressive sul solco delle tradizioni siciliane e dell’Africa occidentale, coinvolgendo la comunità dei migranti, le strutture di accoglienza dei migranti residenti, i quartieri a rischio Librino e San Cristoforo e l’area periferica di Tremestieri Etneo e Viagrande.

Le iniziative di sensibilizzazione nelle scuole saranno condotte dagli autori Carlo Condarelli (concertazione) e Biagio Guerrera (testi e drammaturgia generale), con il coinvolgimento dei docenti). Sempre nelle scuole si svolgeranno lezioni di percussione e danza per alunni e famiglie condotti dai Maestri Sourakhatà Dioubate, Lancei Dioubate e Carlo Condarelli.

7 maggio 2018

Articoli Consigliati

Top