Ti trovi qui
Home > Cultura > Noto, prima edizione di “Lectura Dantis”

Noto, prima edizione di “Lectura Dantis”

NOTO, SIRACUSA

Si aprirà venerdì pomeriggio a Noto il primo dei due week-end dedicati alla prima edizione di “Lectura Dantis”, appuntamento letterario che prevede la recita dei passi più importanti della Divina Commedia di Dante Alighieri. L’iniziativa è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Noto assieme alla Fondazione Teatro Tina Di Lorenzo e col coinvolgimento degli istituti comprensivi di città e dell’istituto superiore Matteo Raeli.

Per l’edizione 2018 sono stati scelti 4 canti dell’Inferno ritenuti tra i più significativi dell’intera Divina Commedia. A recitarli saranno gli attori Alessandro Romano, Salvo Tringali e Doriana La Fauci mentre a commentarli, incontrando insegnanti e lettori, ci saranno il prof. Roberto Mercuri, ordinario di Letteratura Italiana all’Università Sapienza di Roma, e il prof. Rodney Lokaj, associato di Filologia Italiana all’UniKore di Enna.

Il primo appuntamento sarà venerdì pomeriggio in Sala Gagliardi con la recita del Canto I. Proseguirà l’indomani in Sala Dante alle 16 con l’incontro col prof. Roberto Mercuri e si chiuderà domenica alle 11 nella Sala degli Specchi di Palazzo Ducezio con la declamazione del Canto V, quello in cui Dante racconta anche la storia d’amore tra Paolo e Francesca.

Il secondo weekend, invece, si aprirà venerdì 13 aprile alle 18 in Sala Gagliardi con la lettura del Canto XIII, quello in cui Dante Alighieri descrive il cerchio dei violenti, e proseguirà l’indomani sabato 14 in Sala Dante alle 16 con l’incontro col prof. Rodney Lokaj. Domenica 15 aprile alle 11 nella Sala degli Specchi di Palazzo Ducezio la chiusura della prima edizione di “Lectura Dantis” con la lettura del Canto XXXIII, quello in cui Dante descrive il 9° cerchio dell’Inferno dove sono “ospitati” i cosiddetti traditori della patria.

” È un progetto ambizioso– commenta l’assessore alla Cultura del Comune di Noto, Frankie Terranova – per “ritrovarsi insieme” attorno al sommo poeta e per farne occasione di confronto e di stimolo a nuove iniziative culturali, con l’ambizione di farlo diventare un appuntamento fisso col coinvolgimento dei nostri insegnanti, alunni e attori, amatoriali e non “.

5 aprile 2018

Articoli Consigliati

Top