Ti trovi qui
Home > Lega PRO > 4,3,2,1: la lotta al primo posto del Catania passa dai numeri

4,3,2,1: la lotta al primo posto del Catania passa dai numeri

Questione di numeri, questione di motivazioni. A Catania ci si prepara per la prossima battaglia, la trasferta del Nicola Ceravolo in programma per la 33^ di campionato è uno snodo cruciale (l’ennesimo) di questa stagione. Guai a considerarla una lotta da 90 minuti, la trasferta rientra infatti in un piano di guerra che avrà una durata ben più lunga e si protrarrà fino al termine del campionato.

Numeri, per l’appunto. Quattro come i punti che separano il Catania dal Lecce, gap non incolmabile se si pensa alla mole di punti sciupati a dicembre e il distacco importante che si registrava appena qualche settimana fa. Adesso la lotta si fa serrata e la pressione è gettata quasi per intero sulle spalle dei salentini.

Tre come le trasferte che attendono il Catania. Il Ceravolo è solo il primo ostacolo lontano dal Massimino. Il 15 aprile i rossazzurri saranno di scena sul neutro del De Simone per il derby con l’Akragas mentre per la penultima giornata è in programma l’affascinante sfida al Matera di Auteri.

Due come le squadre che si contenderanno da qui alla fine il primo posto a braccetto con i rossazzurri. Se del Lecce in flessione nelle ultime settimane se n’è già parlato, del Trapani c’è molto di cui analizzare. I granata hanno gli stessi punti del Catania (60) e vantano un filotto di 9 risultati utili di fila. E difficilmente allenteranno la presa.

Uno soltanto è infine l’obiettivo che gli etnei hanno chiaro da qui al termine: vincere. Badare poco ai calcoli e focalizzarsi su se stessi. Del resto Lucarelli e in coro i giocatori non hanno mai fatto mistero: il primo avversario del Catania è il Catania stesso.

29 marzo 2018

Articoli Consigliati

Top