Ti trovi qui
Home > Cronaca > Operazione “Bronx”, in manette i 4 latitanti di spicco

Operazione “Bronx”, in manette i 4 latitanti di spicco

SIRACUSA

 Sono finiti in manette gli ultimi quattro latitanti dell’operazione “Bronx” condotta dai Carabinieri di Siracusa, che lo scorso febbraio aveva portato all’arresto di 18 persone con l’accusa di associazione finalizzata al commercio, trasporto, detenzione e spaccio di stupefacenti. Tutti e quattro si nascondevano in un casolare di campagna in zona Canicattini Bagni grazie alla complicità del proprietario di casa, un 71enne siracusano incensurato, arrestato anch’egli per favoreggiamento.

 Dalle indagini degli inquirenti emerge il ruolo di spicco degli uomini arrestati, tutti pregiudicati siracusani. Si tratta di Francesco Capodieci, 41 anni, che sarebbe al vertice dell’organizzazione criminale, Riccardo Di Falco, 36 anni, Giancarlo De Benedictis, 40 anni e Salvatore Aimone, 51 anni, che tenevano i contatti con i fornitori di droga, organizzavano e dirigevano l’operato degli affiliati.

Le operazioni, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, avevano permesso di smascherare un’ampia rete di spaccio di stupefacenti tra Siracusa, Napoli e Catania fra il gennaio 2015 e il novembre 2016, gestita dal gruppo criminale “Bronx”.

I quattro latitanti, dopo aver espletato le formalità di rito presso il Comando Compagnia di Siracusa sono stati condotti nel carcere “Cavadonna”, mentre il fiancheggiatore proprietario del casolare è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

21 marzo 2018

Articoli Consigliati

Top