Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Il cuore fa la differenza: Trapani corsaro al Ceravolo, Catanzaro battuto (1-2)

Il cuore fa la differenza: Trapani corsaro al Ceravolo, Catanzaro battuto (1-2)

Era un crocevia importante per entrambe, obiettivi diversi e diverso umore, Catanzaro e Trapani si sono battute senza esclusioni di colpi ma alla fine ha prevalso la solidità granata.

Il successo per 2-1 della squadra di Calori sui calabresi è dettato dalla capacità di soffrire e tener botta anche in situazioni difficili, 3 punti che lasciano viva una speranza di rimonta sulla capolista Lecce e accendono il duello col Catania.

Sulla panchina del Catanzaro c’è una vecchia conoscenza rossazzurra: Giuseppe Pancaro, subentrato a Dionigi e chiamato ad una scossa per i calabresi, a secco di punti da metà febbraio. L’inizio di gara è proprio a favore dei giallorossi, che creano ma sprecano sotto porta, pesano infatti e non poco gli errori di Nicoletti e Puntoriere da pochi passi. Al contrario il Trapani sa soffrire e reagire, trovando la rete del vantaggio al minuto 41 con Polidori.

Il numero 10 sblocca il risultato con un potente sinistro al volo su spizzata di Silvestri e sigla il suo primo gol in maglia granata.

IL Catanzaro mischia le carte in tavola e nella ripresa, complice anche alcune sostituzioni, riesce a rimettere in equilibrio il match. L’intervento d Silvestri su Onescu è più che dubbio ma l’arbitro indica il dischetto: calcio di rigore. Dagli 11 metri Infantino, messo in ombra da Fazio nel primo tempo, realizza l’1-1.

Cambia la gara? Niente affatto, 5 giri d’orologio e Felice Evacuo si inventa un gol dei suoi, prepotente incursione in area e tocco di punta a beffare difensore e portiere, è l’1-2 che riporta avanti i siciliani.

La partita conosce emozioni nel giro di pochi secondi. Evacuo si fa espellere dal direttore di gara per fallo di frustrazione su Nicoletti, lascia il Trapani in 10 e in balia degli attacchi catanzaresi, che dal canto loro non riescono a produrre minacce significative se non per una conclusione sbilenca di Falcone.

I granata soffrono e vincono da grande squadra. 4 vittoria consecutiva e ritmo tambureggiante per mettere pressione ai quartieri nobili della classifica.

11 marzo 2018

Articoli Consigliati

Top