Ti trovi qui
Home > Apertura > NICOLOSI: SCUDERI GIOVANE INVENTORE DI MENZOGNE?

NICOLOSI: SCUDERI GIOVANE INVENTORE DI MENZOGNE?

Nebbia fitta a Nicolosi e poche idee e confuse dopo l’ultima seduta del Consiglio Comunale, nel corso della quale, non sono passate inosservate le parole pronunciate dal consigliere Antonio Scuderi in merito alla vicenda che riguarda la Funivia dell’Etna. Il giovane consigliere “Io Amo Nicolosi”, nipote di Turi Scuderi, quest’ultimo discusso consigliere dell’amministrazione Borzì, è intervenuto, con una nota, per chiarire alcuni aspetti legati a “polemiche recenti, voci incontrollate e non veritiere, che si sono diffuse dopo una “calda” seduta del Consiglio comunale”.
Ricordando l’onere del ruolo ricoperto dal consigliere Scuderi perché rappresentante della comunità locale e pubblico ufficiale, si apprezzano l’impegno profuso e la sua intenzione di occuparsi della propria città al di fuori da logiche strumentali che, invece, hanno caratterizzato l’amministrazione Borzì, quest’ultima definita dallo stesso Scuderi ” sterile e preconcetta”.

Riferendosi, invece, a chi ha riportato quanto dichiarato, il consigliere parla di superficialità asserendo che gli sarebbero state attribuite false dichiarazioni.
Scuderi alza gli scudi e puntualizza testualmente che
l’unica fonte ufficiale è il verbale della seduta consiliare, ben diverso dal tenore e dalle interpretazioni che possono essere state date”.
Il verbale della seduta consiliare seppur legittimamente pubblicato in forma sintetica e sommaria, tuttavia, non contiene integralmente i contenuti delle sedute consiliari; cosa ben diversa se ci fosse stato un sistema di stenotipia o registrazione audiovideo.

A scanso di ulteriori equivoci, invece, è possibile documentare, con estrema esattezza, quanto dichiarato nella seduta del primo febbraio scorso.
Vi riproponiamo la trascrizione integrale che fuga così ogni dubbio di falsità e superficialità.
Omissis…

Sindaco Pulvirenti: Diventerebbe soccombente senza avere nessuna possibilità

Consigliere: Quale?

Sindaco Pulvirenti: Quella del servizio privato e non più pubblico anche perché nel parere dell’autorità garante c’è scritto oggettivamente la Funivia rappresenta l’unica via di accesso alle quote sommitali.

Consigliere Scuderi: E quindi?

Sindaco Pulvirenti: E quindi non è vero che è l’unica via d’accesso alle quote sommitali.

Consigliere Scuderi: E noi non glielo diciamo ovviamente perché se glielo diciamo facciamo un favore a Russo!

Omissis

E noi non glielo diciamo ovviamente perché se glielo diciamo facciamo un favore a Russo!
Questo è quanto realmente affermato ed è possibile darne ampia documentazione. Pertanto, prima di dichiarare di essere vittima di superficialità e di false dichiarazioni, appigliandosi ad un verbale di seduta consiliare dichiaratamente sommario, Scuderi faccia un esame di coscienza. Ricordiamo al consigliere che il suo ruolo in Consiglio comunale è equiparato a quello di pubblico ufficiale, pertanto la verità e la trasparenza dovrebbero essere le basi della sua azione amministrativa e comportamentale. Ma dobbiamo proprio dirglielo? O non glielo diciamo?

Arrecare ad altri un danno ingiusto, rappresenterebbe un reato perseguibile ex lege. E così glielo abbiamo detto, anzi facciamo di più accomunandola a quanto abbiamo fatto con la precedente amministrazione comunale: dimentichi quella “calda” seduta del consiglio comunale, si prenda una pausa e legga Giobbe 13,4-5.

Articoli Consigliati

Top