Ti trovi qui
Home > Apertura > LA FOTO SUL CORRIERE.IT DIVENTA UN CASO: SPUNTANO PALAZZI DIETRO IL TEMPIO D’ERCOLE MA…

LA FOTO SUL CORRIERE.IT DIVENTA UN CASO: SPUNTANO PALAZZI DIETRO IL TEMPIO D’ERCOLE MA…

AGRIGENTO

In oltre duemila anni di storia di Agrigento sono stati pochissimi, se non addirittura rari, i casi in cui gli abitanti della città dei Templi convenissero – all’unanimità – su qualcosa. E, quello che potrebbe definirsi come uno straordinario evento di coesione sociale in salsa agrigentina, sta avvenendo grazie al fotografo catanese Fabrizio Villa, autore di una foto che – rilanciata dal corriere.it in riferimento ad un libro sull’abusivismo edilizio, ritrae proprio  dietro il Tempio di Ercole una schiera di palazzoni, dando l’impressione che quelle costruzioni siano a pochissimi metri di distanza dal meraviglioso tempio dorico.

Nel giro di pochi minuti la fotografia rimbalza sugli schermi di pc e smartphone suscitando indignazione fra gli abitanti di Agrigento e non che già, in un passato non troppo lontano, sono rimasti scottati da campagne mediatiche sull’abusivismo in piena zona archeologica. Chi ha visitato Agrigento sa perfettamente che non esistono palazzi né all’interno né immediatamente a ridosso della sua magnifica Valle dei Templi. Un’immagine che – se da un lato ha risvegliato quel sentimento di appartenenza degli agrigentini – dall’altro ha fatto scoppiare una bomba social che si è trasformata – come purtroppo spesso accade in queste situazioni – in un vortice senza controllo fatto di insulti e minacce sui social nei confronti dello stesso fotografo che, in poche ore, è diventato bersaglio di centinaia e centinaia di utenti che hanno preso di mira la sua bacheca e quella del corriere.it.

Non soltanto minacce e insulti. Anche le Iene – attraverso i giornalisti Silvio Schembri e Matteo Viviani – sono intervenuti sul caso. Molte sono state anche le risposte con ironie indirizzate allo stesso fotografo e così, in poco tempo, dietro la Valle dei Templi –  con fotomontaggi esilaranti – sono apparsi i monumenti più famosi al mondo: dal Colosseo alla Tour Eiffel passando anche per la Statua della Libertà. Tra questi c’è anche il sindaco di Agrigento Lillo Firetto che è intervenuto così: ” In tutti i casi in cui si tenterà di nuocere alla città, diffondendo notizie e immagini false, l’amministrazione farà in modo di ottenere che sia salvaguardata l’immagine della nostra città “.

Sull’argomento leggi anche

19 febbraio 2018

Articoli Consigliati

Top