Ti trovi qui
Home > Cronaca > Sciacca: aumenta il numero dei cani avvelenati

Sciacca: aumenta il numero dei cani avvelenati

AGRIGENTO 

Sale a 30 il numero dei cani avvelenati a Sciacca. A causare il decesso sono state, probabilmente, delle polpette avvelenate. Il comune e la presidente dell’Associazione Nazionale Tutela Animali, Anna Maria Friscia, hanno presentato una denuncia contro ignoti alla Procura.

Francesca Valenti, sindaco di Sciacca, ha inoltre diramato un’ordinanza con un avviso urgente alla popolazione ad usare la massima cautela per la possibile presenza di altre polpette avvelenate nella zona interessata.

Anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha espresso il proprio dispiacere per l’accaduto: «L’avvelenamento dei quindici cani a Sciacca è un atto di grave inciviltà che merita la condanna di tutti. Amare un animale d’affezione non è un dovere, ma rispettarlo sì. Confidiamo nel lavoro degli inquirenti e, ove venissero individuati gli autori del vile gesto, il governo della Regione non esiterebbe a costituirsi parte civile nei relativi giudizi». «Al tempo stesso – continua Musumeci – non può eludersi il fatto che questa triste vicenda ponga l’accento sul dilagante fenomeno del randagismo in Sicilia. Servono iniziative, anche legislative, immediate e risolutive. Per la prossima settimana, ho fissato un incontro con le autorità veterinarie regionali e con le più rappresentative associazioni di volontariato per trovare soluzioni condivise».

17 febbraio 2018

Articoli Consigliati

Top