Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania, qualità e cinismo: Lecce avvisato, sarà lotta fino all’ultima curva

Catania, qualità e cinismo: Lecce avvisato, sarà lotta fino all’ultima curva

Una squadra viva, cinica quando serve e implacabile ancora una volta in trasferta. Il Catania visto al Degli Ulivi di Andria è una formazione corsara, che sa colpire al momento opportuno. Le due reti rossazzurre che hanno garantito il successo per 2-0 in terra pugliese, l’ottavo lontano dal Massimino, mettono in mostra una prestazione corale intelligente e che non poteva dirsi facile, soprattutto dopo il successo del Lecce che aveva temporaneamente incrementato il gap dal primato.

Neutralizzato lo sfogo pugliese grazie a una buonissima prestazione difensiva, è da rimarcare la buona partita e condizione di Blondett, andato vicino al gol in più di un’occasione e sempre attento nel reparto arretrato.

Il centrocampo ha saputo reggere il forcing dei federiciani e gestito al meglio la sfera nei momenti clou. Lodi in cabina di regia sembra aver ritrovato la forma ideale, mentre il folto centrocampo e i tanti elementi validi in rosa, permettono a Lucarelli di ruotare senza gravare sulla qualità di gioco. Fornito ispirato, Porcino subito protagonista mostra le sue doti e sforna assist al bacio, Mazzarani entra e segna, confermandosi uomo dai gol pesanti.

Se a questo aggiungiamo un Ripa che da una “zuccata” alle critiche, gli elementi positivi in casa Catania ci sono eccome. Il Lecce non avrà vita facile, e se è vero che per la bandiera a scacchi mancano ancora 3 mesi, la certezza ce l’abbiamo già: sarà duello fino all’ultima curva.

5 febbraio 2018

Articoli Consigliati

Top