Ti trovi qui
Home > Cronaca > Maxi blitz a Palermo : 31 arresti, anche Bacchi in manette

Maxi blitz a Palermo : 31 arresti, anche Bacchi in manette

PALERMO

Secondo gli inquirenti era l’uomo di punta di Cosa Nostra nel settore del gioco d’ azzardo e delle scommesse clandestine, l’ imprenditore palermitano Benedetto Bacchi, finito in manette nel corso del blitz della Polizia di Stato coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Sono state emesse ordinanze di custodia cautelare anche per altre 30 persone accusate di associazione mafiosa, riciclaggio, associazione per delinquere finalizzata alla raccolta abusiva di scommesse e traffico di stupefacenti. Dalle indagini – coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi – emerge che Bacchi sarebbe riuscito a creare una rete di più di 700 agenzie di scommesse abusive in tutta Italia, capaci di generare guadagni per oltre un milione di euro al mese nonchè di ripulire denaro “sporco”. Parte di queste somme, tra i 300 e gli 800mila euro l’anno, sarebbe stata poi distribuita all’organizzazione mafiosa.

L’ inchiesta ha portato anche al sequestro di più di 40 agenzie di scommesse attive in tutto il territorio nazionale con il marchio di proprietà di Bacchi.Tra gli arrestati c’è anche Francesco Nania, considerato socio occulto di Bacchi che, tramite il prestanome Michele De Vivo, commercialista campano, sarebbe riuscito a creare un prospero commercio di prodotti alimentari con gli Stati Uniti.

In cella sono finiti anche insospettabili professionisti accusati di favoreggiamento dei traffici criminali di Bacchi. Alcuni indagati rispondono anche di associazione per delinquere finalizzata alla produzione ed al traffico di stupefacenti. Nel corso del blitz sono stati sequestrati beni immobili, società e conti correnti bancari di Bacchi e di diverse persone che lo avrebbero aiutato a riciclare denaro sporco per milioni di euro.

Articoli Consigliati

Top