Ti trovi qui
Home > Cronaca > Catania, pensionato scomparso: il fratello accusato di omicidio

Catania, pensionato scomparso: il fratello accusato di omicidio

CATANIA

Sono molteplici i capi d’accusa che gravano sulla testa di Salvatore Angemi, che secondo il gup di Catania Rosa Alba Recupido, avrebbe ucciso il fratello 70enne Angelo per percepirne illegalmente la pensione.

Le tracce dell’anziano si sarebbero perse nel 2014 quando Salvatore avrebbe comunicato agli altri fratelli di aver portato Angelo a Torino, a casa di un altro fratello.

A Natale dello stesso anno, i parenti rimasti a Catania, chiamano il fratello torinese per gli auguri, e a quel punto i familiari apprendono che ne Angelo ne Salvatore erano mai arrivati a Torino.

Secondo l’accusato, Angelo avrebbe fatto perdere le proprie tracce a Messina. Non è da escludere che il 70enne sia morto per cause naturali e che Salvatore abbia fatto finta che fosse ancora vivo per poter truffare l’Inps e intascare la pensione del fratello.

Il corpo dell’uomo non è mai stato ritrovato e la notizia della scomparsa ha avuto anche un impatto mediatico non indifferente: il programma “Chi l’ha visto?” ha dedicato un servizio al caso.

Ora Salvatore Angemi deve rispondere delle accuse di omicidio, occultamento di cadavere, truffa all’Inps e abbandono di incapace.

31 gennaio 2018

 

Articoli Consigliati

Top