Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania: a Rende responsabilità e cambi, e quel precedente…

Catania: a Rende responsabilità e cambi, e quel precedente…

Tra prestazioni (più o meno incisive) in campo, notizie dall’infermeria e prime indiscrezioni e suggestioni di mercato invernale, è iniziata la settimana che porterà il Catania alla trasferta del “Marco Lorenzon” di Rende domenica prossima alle 16:30. La sfida di campionato, gara che verrà trasmessa in onda Live e in esclusiva da Ultima Tv, sarà per diverse ragioni una chiave di volta del cammino dei rossazzurri, in flessione (questo dicono i numeri) nelle ultime settimane. Lo scivolone del provinciale prima e l’occasione sciupata del Massimino contro il Matera hanno infatti chiuso un filotto di 5 successi consecutivi in campionato.

Tanti gli elementi da porre in esame. Di positivo c’è senz’altro la classifica del girone C. Nessun dramma e la vetta “a portata di vittoria”, appena 3 lunghezze infatti distanziano gli etnei dal Lecce capolista, a certificare la lotta (che coinvolge anche il Trapani) per la prima posizione.

Le note stonate provengono più che altro dall’infermeria: il pari con il Matera ha trascinato con sé gli infortuni di Lodi, diagnosticata per lui una lussazione claveare alla spalla sinistra e Russotto, per lui lesione tendinea che lo costringerà ad almeno 6 settimane lontano dal rettangolo di gioco. Ancora ai box Djodjevic e Blondett e il capitano Biagianti. Tasselli importanti che verranno a mancare ora che ci si appresta ad entrare in un ciclo di 3 partite fondamentali, l’ultima del girone d’andata in Calabria e le due tappe “festive” se così si possono definire, Fondi prima di natale e la partita con la Casertana domenica 30 al Massimino. Inevitabile dunque riflettere sull’undici che potrebbe scendere in campo già dal prossimo impegno contro i calabresi, miglior matricola attualmente del torneo.

Occasioni preziose soprattutto in mezzo al campo viste le assenze di esperienza. In mediana potrebbe essere infatti riproposto Bucolo o Mazzarani, provato più volte a centrocampo. Attenzione invece per quanto riguarda l’attacco, che potrebbe essere ridisegnato vista l’assenza di Russotto. Potrebbe ritornare la pazza idea del tandem Ripa-Curiale, anche se rimangono dubbi sulla coesistenza dei due attaccanti insieme in campo. Una suggestione, sempre in chiave offensiva c’è invece dal mercato, a poche settimane dal via della finestra di riparazione.

Il Catania starebbe infatti sondando con insistenza il profilo di Luca Cattaneo, 28enne giocatore del Brescia con alle spalle ottime stagioni con la maglia del Pordenone. Abile sia da trequartista che da esterno alto, Cattaneo piace tanto alla dirigenza e potrebbe essere una concreta soluzione in entrata.

Tornando al calcio giocato, pillola statistica. L’ultimo e unico precedente tra Rende e Catania risale al 1980, anche allora si giocava in terza serie, e il risultato non si sbloccò dallo 0-0. Da quell’ultimo faccia a faccia di tempo ne è passato, ma un dato curioso e affascinante per i più scaramantici c’è. In quell’anno il Catania ottenne a fine stagione la promozione in Serie B. Chissà che la storia non si ripeta…

13 dicembre 2017

Articoli Consigliati

Top