Ti trovi qui
Home > Apertura > Caltagirone; corpo decapitato e mutilato. Donna romena: “Potrebbe essere mio fratello”

Caltagirone; corpo decapitato e mutilato. Donna romena: “Potrebbe essere mio fratello”

Arriva dalla Romania, rimbalzando da Caserta, una possibile svolta sulle indagini per risalire all’identità del cadavere privo di testa e braccia ritrovato nel bosco di caltagirone. Il corpo potrebbe appartenere ad un romeno di 51 anni, Costel Ciobano. E’ stata sua sorella – che vive in Romania – a lanciare l’allarme sui social network dopoché l’uomo che lavorava in Sicilia come bracciante agricolo, non rispondeva più alle telefonate. Erano abituati a sentirsi quasi ogni giorno e quel telefonino muto – preoccupandola – ha spinto la donna a postare un appello su facebook. La notizia rimbalza in rete soprattutto all’interno della comunità virtuale dei romeni in Italia, fino a quando viene letta grazie alla conoscenza della lingua locale dalla compagna del vice direttore del quotidiano on line Caserta Sera, Emiddio Bianchi. Il giornalista – che conosceva già il caso di Caltagirone – non appena ha avuto la percezione che nella segnalazione on line potesse esserci una svolta del caso, contatta la donna che dalla Romania aveva lanciato l’allarme sul fratello e si fa spedire una sua fotografia. L’immagine viene così trasmessa ai Carabinieri di Caltagirone che eseguono le indagini coordinate dalla Procura. Qui arriva lo spunto che potrebbe dare un nome e cognome ai resti ritrovati nel bosco. Confrontando la foto con alcuni particolari del cadavere, potrebbe trattarsi della stessa persona. Per il procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera, si tratta di un “punto di partenza importante perché consente di dare impulso alle indagini tese a ricostruire la personalità della vittima”. L’autopsia come si ricorderà non ha fornito elementi utili volti alla identificazione. L’esito dell’esame tossicologico giungerà tra una decina di giorni. Se l’identificazione diretta della salma non dovesse dare riscontri, sarà il DNA a risolvere definitivamente il rebus sull’identità del cadavere. Il resto dell’indagine sarà volto a scoprire come e dove si è verificata la morte dell’uomo e gli eventuali responsabili di una storia orribile sempre più vicina ad una svolta.

Articoli Consigliati

Top