Ti trovi qui
Home > Apertura > Studenti e pensionati in piazza a Palermo con la Cgil per rivendicare la riforma

Studenti e pensionati in piazza a Palermo con la Cgil per rivendicare la riforma

PALERMO

Con lo slogan “Pensioni, i conti non tornano!” la Rete degli Studenti Medi e l’Unione degli Universitari sono scesi in piazza a Palermo per rivendicare un sistema pensionistico che tenga conto delle esigenze dei lavoratori di domani. Il capoluogo siciliano, così come Torino, Roma, Bari e Cagliari, è stato scelto dalla Cgil come teatro di una manifestazione a carattere regionale, un vero e proprio corteo che sfilerà da piazza della Repubblica a piazza del Popolo dove è intervenuto il segretario confederale nazionale Maurizio Landini. Ma Palermo si unisce a Roma, con in collegamento video con la segretaria generale Susanna Camusso.

Confermata la presenza di molti giovani al seguito della manifestazione, pronti a rivendicare i diritti del loro futuro. «Siamo qui in piazza come studenti, come attuali e futuri lavoratori, come futuri pensionati – afferma Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi – ma sia chiaro siamo qui in piazza insieme ai lavoratori e ai pensionati di questo Paese. Siamo gli studenti che si sono permessi i libri da leggere o le gite o le vacanze proprio grazie alle pensioni dei nonni, per questo siamo felici di essere in questa piazza».

Dello stesso avviso anche Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Universitari, che ha aggiunto: «Abbiamo di fronte una legge di bilancio che non parla ai giovani, vogliamo poter avere tutti i diritti e le tutele che ci permettano di guardare al futuro avendo una prospettiva».

In piazza anche il sindacato di polizia della Silp Cgil, presenza confermata direttamente dal segretario generale Daniele Tissone. «I poliziotti oggi sono in piazza con la Cgil perché un Paese senza lavoro non ha futuro. Le lavoratrici e i lavoratori in divisa manifestano oggi anche per chiedere al governo di riavviare subito la trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro, fermo da 9 anni».

2 dicembre 2017

Articoli Consigliati

Top