Ti trovi qui
Home > Apertura > Si rimescola ancora il mazzo di carte della nuova Giunta regionale

Si rimescola ancora il mazzo di carte della nuova Giunta regionale

PALERMO

Giochi fatti per la Giunta di Musumeci, il neo governatore è pronto a presentare la nuova squadra di Governo. Miccichè tiene le carte coperte e spera di piazzare gli ultimi nomi di forza Italia nei posti più altri dell’Ars

di Roberto Chifari. Tutti gli uomini del presidente. Non è il film di Dustin Hoffman e Robert Redford ma il gli uomini che accompagneranno l’avventura del governatore Nello Musumeci a palazzo d’Orleans. A due settimane dalla proclamazione e a tre dalle elezioni la XVII legislatura non è ancora ufficialmente iniziata. Se ne parlerà prima dell’immacolata.

Nel frattempo Musumeci ha già deciso i suoi fedelissimi. Gli uomini – e le donne – che faranno parte della sua giunta. Saranno tre i catanesi al suo fianco: Ruggero Razza alla Sanità, Marco Falcone all’Agricoltura e Sandro Pappalardo nel delicatissimo assessorato all’Energia con delega ai rifiuti. Gli altri nomi sono già stati decisi con gli alleati. Gaetano Armao all’Economia, Vittorio Sgarbi ai beni culturali, ma se saltasse ecco pronto Alessandro Aricò.

Girolamo Turano alle attività produttive, Totò Cordaro al Territorio e Roberto Lagalla alla Formazione. Gianfranco Miccichè sarà presidente dell’Ars. Margherita La Rocca Ruvolo all’assessorato alla famiglia, mentre Maria Mattarella figlia di Piersanti ricoprirà il ruolo di segreteria generale della Presidenza, finora ricorperta da un’altra donna: Patrizia Monterosso.
Restano fuori tre poltrone che dovrebbero andare tutte e tre a Forza Italia. Tre nodi da sciogliere: funzione pubblica, turismo e infrastrutture.
Edy Bandiera, sponsorizzato dall’ex ministra Stefania Prestigiacomo, potrebbe andare al Turismo. Altri due nomi potrebbero entrare e sono quelli di Bernadette Grasso e la Siracusana Costanza Castello.

Intanto il presidente ha fatto sapere agli alleati di essere pronto ad annunciare la nuova squadra di governo fra oggi e domani.
Adesso bisogna solo attendere.

28 novembre 2017

Articoli Consigliati

Top