Ti trovi qui
Home > Apertura > Ars, scatta il terzo indagato. Il deputato Savona accusato di truffa

Ars, scatta il terzo indagato. Il deputato Savona accusato di truffa

PALERMO

Presunte compravendite fittizie di immobili e così scatta il terzo deputato indagato prima ancora dell’insediamento della nuova assemblea regionale. Parliamo di Riccardo Savona 65 anni, parlamentare di forza italia eletto con 6554 voti.

Con lui indagata anche la moglie Cristina Maria Bertazzo. La donna avrebbe ricevuto da facoltosi investitori denaro destinato all’acquisto di appartamenti e magazzini. Ma dietro questi accordi c’era una truffa, quella che gli contesta la procura di Palermo insieme all’appropriazione indebita.

Gli acquisti infatti sarebbero stati solo teorici… un inganno insomma e agli investitori non sarebbero state restituite le somme. Circa 20 le querele raccolte dalla procura di termini imerese e Savona in tutte riveste il ruolo di garante della riuscita degli affari.

La consegna del denaro secondo le denunce sarebbe avvenuta nella segreteria politica e in presenza del deputato che è in carica dal 2001. E così è scattato il terzo indagato a poche settimane dalle elezioni regionali in Sicilia. Prima Cateno De Luca, tornato ieri in libertà dopo due settimane di domiciliari, poi Edy Tamajo che avrebbe acquistato voti per 25 euro l’unon secondo le intercettazioni di due fratelli Cristian e Nicolina D’Alia di Brancaccio e oggi anche Riccardo Savona.

«È tutta una montatura fatta da un avvocato e altri soggetti e dimostrerò, anche perché non conosco queste persone. Sono assolutamente sereno, mi dà fastidio solo essere stato tirato in ballo in questo momento politico particolare». Così ha replicato all’Ansa il deputato regionale di Fi, Savona.

Guai giudiziari anche per Fabrizio La Gaipa il primo dei non eletti fra i grillini di Agrigento che è finito ai domiciliari con l’accusa di estorsione; per Gianbattista Coltraro di Siracusa accusato di falso in atto pubblico candidato con l’Udc ma anche lui non eletto e poi per Tony Rizzotto primo deputato leghista all’Ars formalmente non indagato per i presunti ammanchi dal suo ente di formazione.

Articoli Consigliati

Top