Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Akragas, operazione verita’ del presidente Alessi: «Due trattative in piedi: si può chiudere in settimana»

Akragas, operazione verita’ del presidente Alessi: «Due trattative in piedi: si può chiudere in settimana»

E’ un Silvio Alessi battagliero quello che si è presentato questa mattina nella sala stampa dello stadio Esseneto dove aver fissato una conferenza stampa in cui intendeva fare chiarezza a 360° sulla situazione dell’Akragas. Ed in effetti – in più di 1 ora di conferenza – il presidente agrigentino ha ripercorso gli ultimi tre anni di gestione Akragas: ha parlato del ruolo avuto da Giavarini – attuale azionista di maggioranza che ha annunciato il suo disimpegno – definito come una persona con grandi ambizioni ma deluso dal trattamento ricevuto.

Ritorna sullo strappo avuto con i soci di minoranza – dovuto ad aspri contrasti con l’ex amministratore delegato Tirri – e il ruolo che quest’ultimo ha giocato. Alessi – che in settimana è stato contestato dai tifosi con dei manifesti apparsi per tutta la città – ha voluto anche far chiarezza sulla vicenda legata all’impianto di illuminazione – controversia che tutt’oggi costringe l’Akragas a giocare sul neutro di Siracusa – dicendo sostanzialmente che l’Enel avrebbe garantito soltanto una delle due opzioni sul tavolo: o la sponsorizzazione o la realizzazione dell’impianto: fu scelta la prima. Infine il presidente Alessi ha confermato – carte alla mano – l’esistenza di due trattative: la prima con l’imprenditore romano Nuccilli, passato agli onori delle cronache per funamboliche e poco chiare operazioni come l’acquisto del Pavia o del Siena.

Mentre la seconda, seppur confermata da Alessi, mantiene l’anonimato della controparte per loro stesso desiderio. Saranno giorni decisivi per le sorti dell’Akragas, sempre più fanalino di coda del campionato con ben sei sconfitte consecutive all’attivo. La fumata bianca è attesa per mercoledì.

Servizio del TG
2 novembre 2017

Articoli Consigliati

Top