Ti trovi qui
Home > Apertura > La festa di S. Agata “Eredità immateriale regionale”. Adesso si punta al Patrimonio Unesco

La festa di S. Agata “Eredità immateriale regionale”. Adesso si punta al Patrimonio Unesco

La festa di Sant’Agata è ufficialmente riconosciuta come “Eredità Immateriale Regionale”. La domanda, presentata a maggio dal Comitato per la Festa, è stata accolta con grande soddisfazione dal sindaco Bianco e dall’arcivescovo Gristina. La festa infatti è la “testimonianza di un culto ancora attivo in Sicilia e largamente partecipato”.

Si tratta di un primo significativo passo verso l’Unesco. L’obiettivo principale è il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità della festa.

«E’ una bella notizia per la città e per la festa – annuncia il Presidente del Comitato festeggiamenti agatini Francesco Marano – la commissione esaminatrice regionale ha riconosciuto l’importanza della festa. Un atto propedeutico per iniziare a lavorare ad un sogno e ad un progetto che è quello del riconoscimento Unesco della nostra festa. L’iter è assai lungo e complesso, durerà molto tempo, un percorso che faremo con tutta la città e per il quale studieremo le modalità migliori. E’ un grande sogno ma pensiamo che la festa lo meriti. Siamo già a lavoro per l’edizione 2018, per far sì che tutto vada bene e che ci siano eventi culturali e collaterali sempre più numerosi»

Articoli Consigliati

Top