Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania, il percorso verso Cosenza e la querelle “Massimino”- Il punto

Catania, il percorso verso Cosenza e la querelle “Massimino”- Il punto

Cosenza sabato, Monopoli nel turno infrasettimanale e poi due derby consecutivi, contro il Siracusa al De Simone e contro la Sicula Leonzio al Massimino. Un filotto di partite, 4 nel giro di 20 giorni, che risponderà al quesito principale: il Catania è pronto al salto di qualità?

Sarà lecito tirare le prime somme ufficiali sul valore della formazione etnea soltanto dopo questi match, primo su tutti l’incontro di sabato alle 20:30 contro i calabresi, che complice un avvio stentato e due punti maturati in 5 gare, ha deciso di cambiare guida tecnica, affidandosi all’esperto ex Lecce e Alessandria Piero Braglia.

Verso la gara del San Vito Gigi Marulla i rossazzurri potrebbero ruotare i suoi effettivi. Lucarelli medita il turn-over senza però rinunciare ai suoi uomini più in forma. Russotto e Marchese sono ancora fermi ai box in via precauzionale, ma la loro presenza non è esclusa per l’impegno di campionato. Davanti invece, possibile una chance per Ripa, che sembra essere sulla buona strada per arrivare al top della forma.

Intanto a Catania resta attuale la querelle sullo stadio Massimino in atto tra il Comune e il club etneo. Dopo il botta e risposta tra l’Ad Pietro Lo Monaco e l’assessore allo sport Valentina Scialfa e le presunte prove di dialogo da ambo le parti, un’altra precisazione, l’ultima in ordine di tempo, è arrivata nella serata di ieri dall’attuale presidente Davide Franco, che in una nota ufficiale apparsa sulla pagina del Calcio Catania, ha dichiarato: «Essendo stato chiamato in causa dall’intervento dell’Assessore Scialfa, ritengo opportuno ribadire che la posizione del Catania sulla questione stadio è quella dell’Amministratore Delegato Pietro Lo Monaco; ci auguriamo, inoltre, che le dichiarazioni “altamente qualificate” del consigliere comunale Niccolò Notarbartolo non coincidano con la voce del Comune di Catania.

Quest’ultima ipotesi sarebbe grave anche perché – si legge nella nota – a fronte della disponibilità al dialogo più volte garantita, il consigliere comunale in questione ha catalogato come “abbastanza violento” il nostro comunicato. Questa è senza dubbio una pesante offesa alla società».

Parole che non lasciano affatto toni di distensione e rischiano di far protrarre la vicenda ancora a lungo. Il tutto a pochi giorni dal prossimo impegno interno del Catania, la gara contro il Monopoli di martedì 3 ottobre valida per la settima giornata.

28 settembre 2017

Articoli Consigliati

Top