Ti trovi qui
Home > Apertura > Demolizioni: bocciato modello “Bagheria” del M5S, i Verdi vogliono cambio regolamento

Demolizioni: bocciato modello “Bagheria” del M5S, i Verdi vogliono cambio regolamento

PALERMO

Bagheria. Ecco che fine ha fatto il “modello Bagheria” portato come esempio da Cancelleri e Di Maio. Bocciato dalla Regione perché troppo permissivo nei confronti degli abusivi e inviato in Procura. Mi auguro soprattutto che i tanti regolamenti simili già in vigore in altre parti del territorio vengano impugnati (solo per fare qualche esempio oltre Bagheria: Praiano (SA), Scordia (CT), Sant’Antonio (NA), Segesta (TP), ecc)”. Lo afferma Claudia Mannino del gruppo misto.

«L’abusivismo è un fenomeno che va combattuto con metodo e senza lassismo, con le norme che già ci sono. Combattere l’abusivismo non è solo una questione di legalità, ma anche di sicurezza e di rispetto del territorio. Le severe sanzioni introdotte con i miei emendamenti del 2014 vanno in questa direzione, così come gli emendamenti al ddl Falanga (fondo di rotazione per le demolizioni e banca dati) che deve ancora essere approvato da un ramo del Parlamento. Chiedo al candidato Premier Luigi Di Maio e al candidato Governatore Giancarlo Cancelleri di fare pubblicamente un passo indietro sul “modello Bagheria” e di chiarire definitivamente la loro ambigua posizione sull’abusivismo», conclude.

«L’ufficio vigilanza urbanistica della regione Sicilia con nota 16857 del 19 settembre scorso, nel rispondere ad un esposto presentato dalla Federazione nazionale dei Verdi, ha diffidato il sindaco di Bagheria a modificare il regolamento sugli immobili abusivi relativamente agli art.7, 8 bis e 13 perché violano le norme regionali e statali».
Lo dice il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge: «E’ la conferma di quello che da settimane denunciamo, ovvero che il regolamento che sospende le demolizioni anche nelle aree vincolate, che assegna il diritto di abitazione e consente la vendita d’immobili abusivi a chi l’abuso l’ha commesso, è illegittimo. Quello che sta accadendo a Bagheria, nel silenzio colpevole di Grillo e Di Maio, è un fatto di una gravità inaudita: si sono sospese le procedure di demolizioni e con questo regolamento a trarne benefici sarebbero stati anche quei consiglieri del M5S, sindaco e vicesindaco che hanno essi stessi o i loro famigliari case o ville in aree vincolate».

«I Verdi – continua – hanno inviato una diffida al sindaco di Bagheria, anche alla luce della nota della regione Sicilia, nella quale si chiede di approvare entro e non oltre 15 giorni la revoca in autotutela del regolamento sugli immobili abusivi a decorrere da lunedì prossimo, in caso contrario ricorreremo nuovamente all’autorità giudiziaria».

23 settembre 2017

Articoli Consigliati

Top