Ti trovi qui
Home > Altri Sport > Mondiali militari di scherma: L’Italia chiude in testa al medagliere

Mondiali militari di scherma: L’Italia chiude in testa al medagliere

CATANIA

Spettacolo in pedana, coinvolgimento dei tifosi e quella componente chiamata passione che, e gli azzurri lo sanno bene, fa sempre la differenza. Una festa che ha visto Acireale capitale della scherma per 5 giorni in occasione dell’edizione numero 45 dei mondiali militari, kermesse che è tornata in Italia 12 anni dopo l’ultima volta e ha visto disputare le gare iridate al Pala Tupparello.

L’Italscherma ha risposto presente anche in quest’occasione, chiudendo la competizione con un bottino di 12 medaglie, 5 ori, 2 argenti e 5 bronzi che hanno permesso ai nazionali azzurri di vincere il medagliere e battere gli altri 17 paesi partecipanti.

Una vittoria globale che ha posto innanzitutto la Sicilia in una vetrina importante, e ha messo in risalto la proficua attività di un movimento, quello schermistico, che continua a sfornare talenti e dominare il palcoscenico europeo e mondiale. Non poteva mancare poi l’apporto decisivo dei padroni di casa, i siciliani sono stati protagonisti in positivo durante tutta la competizione, regalando gioie ai tanti sostenitori del Pala Tupparello.

Le ultime in ordine di tempo hanno visto le donne della sciabola conquistare un bronzo e il fioretto maschile a squadre imporsi in una entusiasmante finale con la Francia col punteggio di 45-40, sfida che è stata decisa da una stoccata dell’idolo di casa e oro olimpico a Rio 2016 Daniele Garozzo.

Con l’inno di Mameli e quello del Cism (Consiglio Internazionale dello sport militare) la kermesse iridata è stata consegnata agli archivi, ma per i tanti atleti siciliani la stagione è appena iniziata. I risultati del mondiale militare rappresentano solo il punto di partenza per una nuova stagione ricca di appuntamenti importanti.

Servizi del TG

fonte foto: Federscherma

18 settembre 2017

Articoli Consigliati

Top