Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Serie C: Trapani rimonta e vittoria, crolla in casa la Leonzio – I risultati

Serie C: Trapani rimonta e vittoria, crolla in casa la Leonzio – I risultati

Bilancio agrodolce per le squadre siciliane del girone C di terza serie impegnate nella quarta giornata di campionato.

Juve Stabia – Trapani 1-3

Il Trapani fa vedere i muscoli, come forse mai aveva fatto in questa stagione. Il 3-1 di Caserta contro la Juve Stabia, parla di una squadra che può e deve diventare protagonista. Un 3-1 in rimonta dopo un primo tempo così così, serve a dare chiarezza delle potenzialità. Il Trapani c’è e vuole la B.
Il primo tempo inizialmente è equilibrato. Le due squadre si studiano e il ritmo non è alto. Si arriva al 25esimo e le emozioni latitano. La Juve Stabia approfitta del momento. Simeri viene atterrato in area e si guadagna il calcio di rigore che trasforma impeccabilmente. Il Trapani prova a rispondere, ma la parata di Branduani sulla deviazione di testa di Maracchi tiene i campani in vantaggio a fine primo tempo.

Nella ripresa entra Murano e il Trapani cambia volto. Non solo merito dell’attaccante, ma è l’intera squadra di Calori che muta registro. Al 55’ su Corner di Palumbo, la palla schizza sul secondo palo dove capitan Pagliarulo si inserisce alla perfezione e in spaccata insacca per il pareggio!
Trascorrono tre minuti e la partita si stravolge. Ancora un angolo, e Pagliarulo, stavolta di testa, questa volta sul secondo palo: doppietta e risultato ribaltato!
In 18 minuti, i granata oggi in maglia bianca segnano tre gol. AL 73’ Marras riceve palla in area, trova il fondo e crossa sul secondo palo, dove Murano non si fa pregare e di destro mette dentro a porta vuota!

Un’altra squadra, padrona del campo, e adesso il futuro torna a sorridere. Il Trapani torna protagonista.

Fondi – Siracusa 1-3

Un test probante, il terzo impegno lontano da casa per inquadrare il livello di una squadra che veniva dall’ottimo successo di Rende. Il Siracusa ci prende gusto ed espugna il Purificato di Fondi col punteggio di 3-1, avanzando nei quartieri alti della classifica.

Aretusei determinanti e freddi quando serve quelli visti in campo contro la compagine laziale. Il 4-2-3-1 riproposto da Paolo Bianco dà gli effetti sperati e prende il pallino del gioco sin dal primo minuto. A dare l’idea dell’atteggiamento espresso dagli azzurri sono i primi minuti di gioco, che vedono gli ospiti trovare il vantaggio già al dodicesimo: azione di Mangiacasale, l’esterno si invola sulla fascia destra e scarica un tiro-cross che si rivela imparabile per Elezaj, vantaggio Siracusa.

L’autore del vantaggio si fa male qualche minuto più tardi e a subentrargli è Mazzocchi, che dopo pochi secondi lascia partire un destro a giro che scheggia la traversa e rischia di dare una mazzata alla gara.

La prima frazione al Purificato si chiude con un netto predominio azzurro, ed il secondo tempo segue la stessa linea. Parisi ci prova da 25 metri impegnando il portiere di casa, poi Scardina, al minuto 53, sorprende la difesa e raddoppia: è 2-0.

Il Fondi rischia l’imbarcata ma vede accendersi le speranze quando, al 72esimo, il direttore di gara concede un penalty ai padroni di casa, rigore che Lazzari trasforma spiazzando Tomei. La risposta dei siciliani è da grande squadra. Calcio piazzato di Giordano, sponda di Magnani e Turati, protagonista in negativo in occasione del rigore, stavolta chiude i conti con una zuccata sul primo palo. Mattone decisivo per la vittoria del Siracusa, che si porta a quota 6 e dunque arriva col morale a mille per il prossimo impegno interno col Cosenza.

Akragas – Paganese 2-0

Dopo settimane di contestazioni e problemi, l’Akragas festeggia la prima vittoria stagionale. All’Esseneto gli uomini di Raffaele Di Napoli battono la Paganese per 2-0 e conoscono i primi 3 punti dando seguito alla convincente prestazione di Monopoli.

Squadre a specchio, il tecnico biancoazzurro insiste con il 3-5-2 confermando Salvemini in coppia con Moreo in attacco. La prima chance è proprio dell’Akragas, Longo inquadra la porta da 25 metri ma trova la risposta di Gomis, poi è la Paganese con Cesaretti a impensierire Vono, che preferisce rifugiarsi in corner.

L’Akragas manifesta comunque una forma atletica nettamente migliore rispetto alle ultime settimane e allo scoccare del 38esimo vede assegnarsi un calcio di rigore. Saitta pesca Salvemini con un traversone, l’attaccante viene sbilanciato da Piano al momento del tiro e l’arbitro non ha dubbi a indicare il dischetto ed espellere per somma di gialli il difensore campano. Freddissimo Lorenzo Longo dal dischetto, 1-0.

I Giganti in vantaggio di un uomo e di una rete gestiscono il match anche nella ripresa. Al 59esimo la più ghiotta occasione del raddoppio, con Saitta che a tu per tu con Gomis non trova la rete. Lo stesso portiere ospite si supera qualche minuto più tardi su Parigi e sventa un gol fino allo scoccare del 94esimo, quando Franchi (subentrato da pochi minuti a Salvemini) sigla la rete della certezza: primo successo per Di Napoli e il suo Akragas, che fa un passo in avanti in classifica.

Sicula Leonzio – Monopoli 0-3

La Sicula Leonzio conosce il primo (netto) Ko di questo campionato. Contro il Monopoli nella gara valida per la 4^giornata del girone C, matura una sconfitta ed un risultato inaspettato, che di certo rappresenta un passo indietro in termini di gioco.

Il match dell’Angelino Nobile vedeva scendere in campo due sorprese di questo inizio di stagione. La matricola lentinese di Rigoli, in classica divisa bianco-nera, si schiera con le 3 punte. Scelta audace ma che non paga, i pugliesi trovano il vantaggio subito con Genchi che realizza un penalty al terzo e raddoppiano qualche giro di lancette più tardi sempre col numero 9, che approfitta di una disattenta difesa e porta i suoi sul 2-0.

Il Monopoli, assoluto padrone del campo mette alle corde i bianconeri e concretizza anche al 20esimo con Sarao, che sfrutta un grossolano errore di Camilleri e trafigge per la terza volta Camilleri.

Bollino e Tavares ci provano con timidi tentativi, ma il Monopoli al contrario dei locali è ordinato e attento in difesa e non subisce pericoli rilevanti. Situazione che con cambia nella ripresa nonostante gli inserimenti dalla panchina di Rigoli, il giro palla della Leonzio c’è ma non sortisce gli effetti desiderati e la gara del Nobile si chiude con un passivo che pesa. Nessun dramma in casa Leonzio, testa già alla prossima giornata, quando i lentinesi saranno ospiti del Bisceglie.

16 settembre 2017

Articoli Consigliati

Top