Ti trovi qui
Home > Apertura > Non si ferma e investe due pedoni a Gela: uccise madre e figlia

Non si ferma e investe due pedoni a Gela: uccise madre e figlia

Un bilancio sempre più pesante. Nell’incidente di ieri sera in cui è morta una parrucchiera di Gela, Nuccia Vullo di 35 anni, era rimasta coinvolta anche la figlia di 6 anni. La piccola Ludovica dopo diversi interventi non ce l’ha fatta ed è deceduta questo pomeriggio. Madre e figlia sono state travolte ieri sera da un’automobile mentre attraversavano la strada in via Venezia, alla periferia est di gela. La donna è morta subito dopo il suo ricovero in ospedale, mentre la bambina, è stata portata all’ospedale Di Cristina a Palermo. Secondo quanto riferito dai testimoni Nuccia Vullo si trovava all’uscita di un locale e teneva la bambina per mano. Nell’attraversare la strada un fiat panda le ha travolte ad altissima velocità. Il conducente, Salvatore Rinella cameriere di 22 anni, non si è fermato per prestare soccorso scappando. Il ragazzo si è costituito questa mattina raccontando agli inquirenti di essere fuggito per paura di subire un’aggressione dai parenti della vittima. La sua auto è stata ritrovata, su sua indicazione, nell’ex mattatoio comunale. Sottoposto ad alcool test risultato negativo, Rinella è adesso accusato di omicidio stradale plurimo. Sull’asfalto non risulta nessun segno di frenata e decisive nella ricostruzione di quanto accaduto potranno essere le immagini delle telecamere di videosorveglianza dei negozi della via.

Articoli Consigliati

Top