Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Coppa Italia, (Ze) Turbo Catania: 6-0 all’Akragas e passaggio del turno

Coppa Italia, (Ze) Turbo Catania: 6-0 all’Akragas e passaggio del turno

Il Catania passa il turno in coppa. E su questo c’erano pochi dubbi, vince nettamente con l’Akragas e non subisce gol. Protagonista iniziale il neoacquisto Ripa che in mezz’ora archivia la pratica akragantina. Nella ripresa l’altro nuovo arrivo Ze Turbe (subito incisivo: un gol e in palo), Rossetti, Tedeschi e Mazzarani completano il tabellino marcatori e regalano un serata “tennistica” ai tifosi. Lucarelli sceglie il 3-5-1-1. Martinez in porta, Aya, Bogdan e Marchese in difesa, Esposito, Caccetta, Bucolo. Biagianti e Manneh a centrocampo con Mazzarani alle spalle di Ripa a comporre il duo d’attacco. Pozzebon, non convocato, è in fase di partenza, così come (forse) Anastasi: nella lista ma probabilmente destinato ad andar via se i rossazzurri vorranno un altro difensore. Per Di Napoli, 4-3-3: Leveque, Parigi e Salvemini nel trio offensivo, con Vono in porta, Mileto, Pisani, Russo e Canale e comporre il pacchetto arretrato, Navas, Caternicchia e Longo a centrocampo. Si gioca a Catania su indicazione della Lega che ha invertito i campi. In casa risulta dunque l’Akragas.

La prima (mezza) occasione è per il Catania. Ripa va alla conclusione da posizione ravvicinata. Il tiro viene deviato e finisce fuori. Ancora Ripa è protagonista del gol del vantaggio rossazzurro (Catania stasera in maglia bianca). E’ il 22′ minuto e sugli sviluppi di un calcio d’angolo si fanno vedere i corazzieri della difesa. Aya fa la torre e Bogdan devia il pallone verso la porta di Vono. Il tiro diventa un assist per Ripa che centra la porta: vantaggio meritato per gli etnei. Tre minuti dopo ancora Ripa su assist di Mazzarani può indirizzare in rete, ma il tiro viene rimpallato. Nell’azione successiva, il Catania crea ancora pericoli. Mileto deve sventare con le mani una conclusione ravvicinata di Aya. Rigore ed espulsione per il difensore dell’Akragas (questa sera in maglia rossa). Mazzarani si presenta sul dischetto, ma la squadra akragantina non sembra portargli bene. Vono sceglie l’angolo giusto e sventa. Ma è la serata di Ripa: dopo l’errore di Mazzarani, è l’attaccante, con un bel tiro a giro che insacca la rete del 2-0. Non c’è proprio partita, così Ripa può anche abbandonare il campo (piccolo acciacco per lui, Lucarelli non se la sente di rischiarlo). Al suo posto entra Rossetti.

Nell’intervallo l’Akragas sostituisce Vono con Amella e Salvemini con Franchi, nel Catania Tedeschi prende il posto Aya. In avvio di ripresa, il Catania si fa vedere con Caccetta che su cross di Marchese si rende pericoloso di testa. Al ventesimo è il turno di Zé Turbo, il giocane scuola Inter prende il posto di Manneh. Dopo 5 minuti entra già fra i marcatori: sua la rete del 3-0 con un intervento sotto porta. Mazzarani colpisce il palo e poi è Rossetti con un destro che Amella non trattiene a siglare il poker. Il portiere ospite si esalta invece su Mazzarani. Il nuovo entrato Tedeschi invece non si fa pregare per mettere di testa in rete il 5-0. Il  monologo del Catania prosegue ancora con Ze Turbo. Azione personale e gran tiro. Palla sul palo, Mazzarani si avventa sul pallone ma spedisce fuori. Il numero 32 si rifà però quasi allo scadere quando disegna una grande punizione dal limite per il 6-0 finale.

Articoli Consigliati

Top