Ti trovi qui
Home > Apertura > Sequestrati beni di oltre un 1mln e 600 mila euro a boss mafiosi palermitani

Sequestrati beni di oltre un 1mln e 600 mila euro a boss mafiosi palermitani

La guardia di finanza di Catania ha sequestrato all'interno di una abitazione privata a Misterbianco oltre 250 kg di fuochi di artificio irregolari.

PALERMO

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, eseguendo un provvedimento della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, hanno sequestrato beni per circa un milione e 600mila euro riconducibili a boss e gregari di Cosa nostra.

Tra questi c’è Giovanni Bosco, ex reggente della famiglia mafiosa palermitana di “Boccadifalco – Passo di Rigano”, in carcere dal 2001 per associazione mafiosa.
Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Palermo, era emersa la partecipazione di Bosco a summit con boss del calibro di Giulio Caporrimo, Cesare Lupo, Antonino Sacco e Giuseppe Calascibetta, poi assassinato nel 2011.
Le indagini del G.I.C.O. di Palermo hanno, inoltre, consentito di individuare altri soggetti responsabili di aver accumulato ingenti patrimoni illecitamente. Si tratta Giacomo Vaccaro, Girolamo Celesia e Pietro Mansueto.

Tra i beni sequestrati ci sono un ampio terreno con una costruzione in viale Regione Siciliana, di Mansueto; una società di distribuzione di bevande di Girolamo Celesia, un villino a Campofelice di Roccella (PA), riconducibile a Giacomo Vaccaro. (ANSA)

23 agosto 2017

Articoli Consigliati

Top