Ti trovi qui
Home > Apertura > Agrigento, mistero della Panda rossa: trovato il cadavere del 30enne scomparso

Agrigento, mistero della Panda rossa: trovato il cadavere del 30enne scomparso

Il cadavere del 30enne la cui scomparsa era stata denunciata proprio ieri dalla madre – Nicolò Conti, 30 anni di Agrigento – è avvenuto intorno alle 15:00 a Punta Bianca, a circa 20 metri dall’ormai tristemente famosa Panda Rossa.

La salma, che si presentava in uno stato saponato con il viso rivolto verso il basso, lascia intendere che la morte sia avvenuta da qualche giorno. Sul posto – a pochi chilometri dalla riserva naturale di Drasi – gli agenti della Squadra Mobile di Agrigento – guidati da Giovanni Minardi – e il sostituto procuratore della Repubblica, titolare del fascicolo d’inchiesta, Simona Faga. Presente anche il medico legale che – una volta effettuata l’autopsia – spiegherà le cause del decesso. Si pensa ad un suicidio ma altre piste, per il momento, non sono da escludere. Adesso si attende di sapere in quale ospedale verrà effettuata l’autopsia che farà luce su questo decesso. Si scava anche sul passato del ragazzo.

Ma bisogna fare un passo indietro e capire da dove nasce quello che è stato ribattezzato il “mistero della Panda Rossa”. L’automobile, di proprietà della madre del defunto ma in disponibilità al figlio, risultava essere in stato di abbandono – nonostante il modello fosse nuovo e tenuta anche in buone condizioni – incastonata in un avvallamento di terra. Sembra che si trovasse in quelle condizioni da circa 20 giorni e, proprio questa ambiguità, aveva sollevato l’interesse di curiosi e passanti che hanno cominciato a fotografarla.

In effetti, già una prima verifica era stata effettuata dai carabinieri che avevano appurato che l’auto non risultasse rubata né che vi fossero reclami o denunce in merito. Soltanto ieri, però, la madre di Nicolò Conti – la signora Calogera Zambuto – si è presentata in Questura dai poliziotti a denunciare la scomparsa del figlio dicendo di non avere sue notizie da circa due settimane. Immediate le ricerche da parte degli agenti della Mobile che – guidati da Giovanni Minardi – hanno diffuso i dati del giovane per rintracciarlo. Oggi, intorno le 15.00, la scoperta del cadavere. Sarà l’autopsia a togliere qualsiasi dubbio intorno a questa vicenda.

Articoli Consigliati

Top