Ti trovi qui
Home > Apertura > Omicidio Manduca, Palazzo Chigi impugna la sentenza di risarcimento agli orfani

Omicidio Manduca, Palazzo Chigi impugna la sentenza di risarcimento agli orfani

“Noi non paghiamo!” E’ più o meno questa la risposta della Presidenza del Consiglio dei ministri alla sentenza di risarcimento emessa dal tribunale civile di Messina lo scorso giugno relativamente al caso di femminicidio di Marianna Manduca. Alla donna non bastarono, infatti, dodici denunce per maltrattamenti, minacce e percosse per salvarsi la vita. Nonostante avesse segnalato agli inquirenti anche il progetto omicida del marito nessuno fermò la mano dell’assassinio. Dopo una lunga battaglia legale, il Tribunale civile di Messina ha condannato la Presidenza del consiglio dei ministri a risarcire 300 mila euro di danni patrimoniali ai tre figli della donna. I giudici hanno applicato la norma sulla responsabilità civile dei magistrati, ritenendo che i pm che si occuparono del caso, in servizio nella Procura di Caltagirone (Catania), non fecero quanto in loro potere per evitare il femminicidio. Palazzo Chigi, però, ha appellato la sentenza. A diffondere la notizia gli avvocati Alfredo Galasso e Licia D’Amico legali dei figli di Marianna Manduca, assassinata dal marito, Saverio Nolfo, nel 2007.

Si tratta di una decisione grave ed inattesa, che tende a porre nel nulla un provvedimento giudiziario che per la prima volta riconosce e punisce la responsabilità non della magistratura nel suo complesso, ma di singoli magistrati, colpevoli di una inerzia giudicata dai loro stessi colleghi ingiustificabile”, commentano gli avvocati.

“C’era parso che una corretta ed imparziale applicazione della legge sulla responsabilità civile dei magistrati, recentemente riformata, avrebbe indotto il Presidente del Consiglio dei Ministri ad adottare una diversa e solidale decisione nei confronti di una famiglia notoriamente generosa e bisognosa come quella che ha accolto da anni i figli di Marianna Manduca”, spiegano. “Ma ciò che è ancor più grave – proseguono – e che ci indigna è che è nell’atto di appello è stata chiesta la sospensione dell’esecuzione della sentenza di primo grado, allo scopo di non pagare al padre adottivo Carmelo Calì il modesto risarcimento riconosciuto, in attesa dell’esito di un appello che riteniamo del tutto infondato e dilatorio”.

Articoli Consigliati

Top