Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Lo spettro dell’iscrizione e le necessità di mercato, come si muovono le siciliane di C?

Lo spettro dell’iscrizione e le necessità di mercato, come si muovono le siciliane di C?

Ai nastri di partenza della nuova e mai così ricca Serie C che partirà il prossimo agosto, ci sono 6 squadre siciliane. Rivalità, derby e tanta carne al fuoco, ma non tutte le siciliane possono già vantare un programma definito per la prossima stagione, e anziché parlare di mercato, si fa più riferimento alle difficoltà di iscrizione e a problemi dirigenziali.

Nella passata stagione più volte si è parlato delle difficoltà economiche dell’Akragas. Il club agrigentino ha scongiurato con sacrifici e cessioni illustri lo spettro del fallimento lo scorso inverno, ma il rischio di arrivare senza fondi al prossimo torneo sussiste ancora ed è reale. Giavarini e Alessi hanno lanciato un pericoloso grido d’allarme, i tifosi protestano e invocano l’aiuto di imprenditori e rappresentanti per salvare una realtà calcistica che fino a pochi giorni fa festeggiava la salvezza.

Situazione appesa ad un filo anche a Messina, sebbene l’avvento di Franco Proto abbia portato aria nuova in seno al club peloritano. Ottenuto il via libera per giocare al Celeste, adesso occorre superare lo scoglio iscrizione e pensare alla squadra. Ancora nessun nome per il tecnico, mentre sono già certi di partire i gioielli in rosa: dalla stella Milinkovic al terzino De Vito, obiettivo del Catania.

Più semplice iniziare a parlare di calciomercato dalle parti di Siracusa, Trapani e Lentini. Gli azzurri hanno già individuato il dopo Sottil, da un siciliano ad un altro, il patron Cutrufo punta forte su Raffaele Di Napoli, attuale mister dell’Akragas, ed è possibile che la prossima settimana possa già essere quella dell’accordo. Prima di agire in entrata, gli aretusei possono intanto festeggiare i rinnovi di Giordano e Turati, autentici pilastri della scorsa stagione.

A Trapani ci sarà aria di rivoluzione e si cercherà di sostituire i partenti Nizzetto, Rizzato e Casasola (su di lui anche club di Serie B) con elementi esperti della categoria. Chiude il cerchio la Sicula Leonzio, che si sta dimostrando molto attiva in queste prime settimane. Si chiude a breve per Rigoli, che una volta firmato il suo biennale potrebbe scegliere i suoi primi tasselli. Chieste informazioni al giovane attaccante Rossetti, di proprietà del Catania, e più di un interessamento per Fabio Longo, capocannoniere di Serie D con la Frattese.

Servizio per il Tg

17 giugno 2017

Articoli Consigliati

Top