Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Closing Palermo: rischio rottura? Lucarelli a Catania per la firma

Closing Palermo: rischio rottura? Lucarelli a Catania per la firma

Allenatori, mercato e, nel caso del Palermo, closing. Perché fra giorni di trepidazione e rassicurazioni varie, siamo arrivati al collo di bottiglia. Una notizia positiva c’è. La young wild e free global limited esiste ed è stata registrata, ma è l’unica. Lo scopo del gruppo si sa è quello di rilevare le quote della società rosanero. La Global Limited è al 75% di Baccaglini e al 25% di altri soci (ancora anonimi). La Repubblica palermitana di oggi però segna i tempi. Il passaggio di quote deve avvenire entro la settimana, altrimenti diventa tutto più difficile e si potrebbe arrivare addirittura alla rottura, secondo il quotidiano. Nel frattempo, ovviamente è tutto fermo: i rosa sono gli unici in b a non avere allenatore: Iachini, Castori e Oddo in lista, ma come detto tutto dipende dal closing. Allenatori in primo piano anche per le squadre di serie C: Lucarelli oggi a Catania deve mettere la firma sul contratto, ma è praticamente certo che sarà lui il prossimo allenatore del Catania. E, stando ai primi movimenti, il Catania sembra avanti rispetto alle altre in quanto a programmazione dello staff e della squadra. Lodi e i possibili arrivi di Alcibiade e Caccetta sono lì a testimoniarlo. C’è tempo, è vero, soprattutto per la C, ma in altre piazze la situazione appare più complicata o almeno risente del passato, quasi più di quanto succede a Catania. A Messina ad esempio, la concentrazione è tutta sul celeste e sugli abbonamenti. A breve si lavorerà sul tecnico. A Siracusa, dopo l’addio di Sottil si fa il nome di Di Napoli, ex Akragas, per la sostituzione. A Trapani, vogliono Auteri, ma oltre a sostituire Calori si deve pensare anche al nuovo ds. A Lentini, stanno meglio: con Rigoli è stato ormai trovato l’accordo, mentre i problemi più grossi sono ad Agrigento. L’attuale società non vuole più sapere. Vuole partner o anche cedere la sqaudra a costo zero. Se no, consegna del club al sindaco. Impossibile programmare così. Ecco perché, a conti fatti, almeno fra le siciliane, adesso il Catania sembra in reale vantaggio.

Articoli Consigliati

Top