Ti trovi qui
Home > Apertura > Tassista abusivo muore d’infarto dopo essere stato picchiato da due uomini

Tassista abusivo muore d’infarto dopo essere stato picchiato da due uomini

CATANIA

Acireale. È morto per arresto cardiaco, subito dopo il ricovero al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Marta e Santa Venera” di Acireale, Giovanni Leonardi, il tassista abusivo di 60 anni picchiato da due uomini perché accusato del presunto furto del portafoglio di una donna. Il fatto è successo ieri. Era un giorno come tanti. Giovanni aveva fatto salire la donna a bordo del suo taxi per portarla in centro in cambio di pochi euro. Poi, verso le 11, il raid punitivo. Due uomini e la donna si avvicinano al tassista, lo portano in un luogo appartato e iniziano a picchiarlo. Giovanni nega di aver rubato il portafogli, ma i due uomini continuano a picchiarlo violentemente. Nonostante fosse ferito in varie parti del corpo Leonardi sarebbe riuscito a salire a bordo della sua auto e ritornare a casa.

È stata l’anziana madre a medicare le escoriazioni superficiali sul corpo del figlio. Ma dopo qualche ora, le sue condizioni sarebbero precipitate. Ha fatto in tempo a chiamare la polizia raccontando l’accaduto e gli uomini del 118. Leonardi, però, è morto dopo il ricovero per le conseguenze di un doppio infarto. La salma del tassista è stata sequestrata, su disposizione della Procura, per potere effettuare l’autopsia che dovrà accertare le cause della morte ed eventuali responsabilità legate all’aggressione. I carabinieri hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza della stazione ferroviaria e del bar, alla ricerca di indizi utili all’identificazione della donna e dei due uomini che l’accompagnavano che sarebbero saliti su un treno per Messina.

Articoli Consigliati

Top