Ti trovi qui
Home > Apertura > Misterbianco, la corsa a quattro per la poltrona di sindaco

Misterbianco, la corsa a quattro per la poltrona di sindaco

CATANIA

È una sfida a quattro quella che si disputerà a Misterbianco, in provincia di Catania. In palio la poltrona di sindaco e il clima in queste ore non è di certo disteso. La campagna elettorale è al rush finale e domenica i misterbianchesi saranno chiamati alle urne per la scelta della nuova amministrazione. In lizza quattro nomi: Nino Di Guardo, Marco Corsaro, Maria Antonina Buzzanca e Giuseppe Di Stefano.

Di Guardo, 74 anni, attuale sindaco, non si arrende e dopo quattro mandati. Scende in campo per il quinto. A sostenerlo è il partito democratico e gli altri movimenti di centrosinistra. Sono nove, infatti, le liste sulle quali si poggia la sua candidatura. Ma in corsa c’è anche Marco Corsaro, 33 anni, ex vice sindaco della giunta che poi si è dimesso perché in scontro proprio con Di Guardo. Lui è il fondatore del Movimento Guardiamo Avanti ed è sostenuto da sei liste, da uomini del nuovo centro destra e da alcuni nomi grossi della politica. Rappresenterebbe il vero rivale dell’attuale primo cittadino.

Stessa ambizione per Maria Antonina Buzzanca, sostenuta da Forza Italia. Professoressa nella vita e consigliere comunale di opposizione. Sostenuta da 5 liste civiche.
In quarta posizione spunta il nome del pentastellato Giuseppe Di Sefano. Il più giovane fra i candidati a sindaco. 29 anni informatico di professione e sostenuto appunto dal movimento cinque stelle.

Chiuso il cerchio… la sfida entra nel vivo.

7 giugno 2017

Articoli Consigliati

Top