Ti trovi qui
Home > Cronaca > Sgominata banda italo-albanese per spaccio droga e armi da guerra

Sgominata banda italo-albanese per spaccio droga e armi da guerra

RAGUSA

Sgominata banda di italo-albanesi che facevano parte di un’organizzazione ben strutturata per lo spaccio di droga sulla piazza di Ragusa. La Mobile ragusana ha concluso così l’operazione denomina Balkan, avviata nel 2012 quando parte dei membri dell’organizzazione criminale stava prendendo sempre più piede nel territorio di Modica tentando di sconfinare nel resto della provincia iblea.

Sono state avviate quindi due distinte operazioni: la “Blade” con 17 arresti che ha permesso di sgominare l’organizzazione criminale presente nel territorio di Modica, mentre la “Balkan” aveva come fine quello di risalire fino a fornitori presenti in Albania. E così è stato.

Nel corso di due anni d’indagini la Squadra Mobile di Ragusa, è riuscita a individuare i canali di approvvigionamento albanesi effettuando decine di arresti e sequestri di ingente quantità.

Le indagini coordinate dalla Procura di Catania avevano permesso di individuare e raccogliere fonti di prova a carico di oltre 50 soggetti, riuscendo ad individuare il canale di approvvigionamento albanese, elemento che è stato raccolto anche dalla Guardia di Finanza di Como.

Oltre 50.000 conversazioni captate dagli investigatori, sia telefoniche che ambientali, che hanno permesso di sostenere non solo le operazioni di droga ma anche armi da guerra utilizzate per proteggere i carichi di ingente valore, considerato che avrebbero fruttato milioni di euro sul mercato.
È stato appurato che la droga in enormi quantità giungeva spesso a Catania dove veniva suddivisa in parti più piccole, destinando centinaia di chilogrammi alla provincia di Ragusa.

Sono 61 i soggetti che saranno processati per aver fatto parte dell’organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti. Nel dettaglio 28 albanesi, 15 ragusani, 10 di Catania e 8 di altre province.

Articoli Consigliati

Top