Ti trovi qui
Home > Apertura > Blitz stipendi spezzati: estorsioni a dipendenti di una coop sociale

Blitz stipendi spezzati: estorsioni a dipendenti di una coop sociale

AGRIGENTO

Blitz stipendi spezzati, estorsioni a dipendenti di una coop sociale: arrestato ex presidente consiglio comunale Favara

I carabinieri della Compagnia di Licata, su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Alessandro Macaluso, hanno eseguito questa mattina 4 misure cautelari fra Agrigento, Palma di Montechiaro e Favara.

Fra gli arrestati, e posti ai domiciliari, nell’operazione “Stipendi spezzati”, c’e’ Salvatore Lupo, 41 anni, ex presidente del consiglio comunale di Favara. Ai domiciliari anche la moglie Maria Barba, 35 anni. Obbligo di dimora a Licata (Ag) per Caterina Federico di 34 anni ed obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Veronica Sutera Sardo, 30 anni, di Agrigento.

La nuova inchiesta avrebbe fatto emergere che ai dipendenti della “Cooperativa sociale Suami – Onlus” prima venivano accreditati su conto corrente le mensilità dovute e poi, con carte bancomat intestate proprio agli stessi dipendenti, l’amministratore unico della coop, Salvatore Lupo, avrebbe prelevato – secondo l’accusa formalizzata da carabinieri e Procura – la meta’ degli stipendi. Stando all’inchiesta, questi prelievi “forzosi” di denaro avrebbero riguardato oltre 20 dipendenti.

I Carabinieri, inoltre, hanno proceduto al sequestro di 37 mila euro nelle disponibilità di Salvatore Lupo. Al momento risultano indagati oltre 20 persone.

19 maggio 2017

Articoli Consigliati

Top