Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Lega Pro: tra sogno promozione e speranze salvezza, il prossimo cammino delle siciliane

Lega Pro: tra sogno promozione e speranze salvezza, il prossimo cammino delle siciliane

Per alcune scatta la rincorsa al sogno, per altre si tratta dell’ultima scialuppa di salvataggio. La regular season di Lega Pro è alle spalle: ora è tempo di fare sul serio, scendere in campo con tutte le frecce dell’arco a disposizione per raggiungere il target stabilito.

Capitolo Playoff, nel grande calderone di squadre che si contenderanno un posto per la serie cadetta, ci sono anche Catania e Siracusa. La prima fase scatterà già domenica, con gare secche della durata di 90 minuti. Gli etnei sono riusciti ad acciuffare l’ultimo piazzamento utile (l’undicesimo) con lo 0-0 di Caserta. Dopo lo scialbo pari c’è però da ricaricare da zero le batterie, visto che il primo turno playoff vedrà i rossazzurri in campo al Romeo Menti di Castellammare contro la Juve Stabia, squadra che nel corso della stagione regolare ha demolito gli stessi etnei col punteggio di 4-0. Impresa ardua anche considerato l’unico risultato a disposizione

Uno sguardo diverso per il Siracusa. Gli aretusei arrivano agli spareggi da sesta della classe in virtù del Ko interno di ieri contro il Francavilla, evitano il derby e affronteranno la Casertana con il fattore campo a favore. Non è ancora tempo di esultare per la straordinaria stagione, Sottil pensa in grande e non intende porre limiti alla sua squadra.

Interessante sarà anche il Capitolo Playout: se il pareggio a reti bianche di Vibo Valentia ha permesso al Messina di agguantare la tanto acclamata salvezza (diventa dunque ininfluente la nuova possibile penalizzazione di 2 punti da parte della Procura Federale), stesso discorso non si può fare per l’Akragas.

I Giganti di Raffaele Di Napoli non sono riusciti nell’impresa di battere con due reti di scarto il Monopoli e dovranno giocarsi tutte le carte nel doppio confronto con il Melfi. Gara d’andata il 21 maggio in terra lucana e ritorno, stavolta all’Esseneto, giorno 28 con la possibilità di sfruttare il fattore casa nella gara di ritorno e, se necessario, anche il miglior piazzamento in classifica. Obiettivo che Agrigento vuole conquistare, specialmente dopo un’annata ricca di complicazione sul piano dirigenziale ed economico.

servizio del TG

8 maggio 2017

Articoli Consigliati

Top