Ti trovi qui
Home > Apertura > Migranti, a Catania in 394: fra loro il cadavere di un ragazzo

Migranti, a Catania in 394: fra loro il cadavere di un ragazzo

CATANIA

E’ attraccata questa mattina al porto di Catania la nave Phoenix, appartenente alla Ong maltese Moas, con a bordo 394 persone. Fra di loro anche il cadavere di un ragazzo originario della Sierra Leone che viaggiava in compagnia del fratello più grande. Il giovane sarebbe stato ucciso da trafficanti libici. Il corpo presenta almeno un colpo di arma da fuoco, verosimilmente una pistola, forse sparato alle spalle. Non è stato ancora chiarito il movente della tragedia, se legato al rifiuto della vittima di consegnare il proprio cappellino da baseball a un trafficante, che lo ha ucciso per il diniego, secondo quanto riferito da migranti ai soccorritori di Moas. Ricostruita invece la dinamica: la sparatoria sarebbe avvenuta su un gommone e il corpo è rimasto sul fondo del natante ‘vegliato’ dal fratello. Poi è stato recuperato dai soccorritori. La squadra mobile della polizia di Stato che indaga su delega della Procura distrettuale di Catania sta sentendo il fratello della vittima, oltre agli altri testimoni. La magistratura, che ha aperto un fascicolo, ha disposto l’autopsia.

Articoli Consigliati

Top