Ti trovi qui
Home > Lega PRO > La corsa di Siracusa, Messina e Akragas: 90 minuti per il futuro

La corsa di Siracusa, Messina e Akragas: 90 minuti per il futuro

Una già certa dei play off, un’altra quasi salva ma con l’ansia penalizzazione, l’ultima che non vuole passare dai play out ma ha poche possibilità di riuscirci.

Siracusa, Messina e Akragas. Le tre facce della medaglia di una Sicilia che vuole essere protagonista nei pro. Gli aretusei hanno già la certezza di giocare in casa la prima partita dei play off. Quinti o sesti è l’unico quesito. Per restare quinti gli uomini di Sottil devono non perdere con la Virtus Francavilla. Il quinto posto inoltre potrebbe riproporre il derby in caso di Catania decimo. Il Siracusa è l’unica siciliana impegnata in casa. Al De Simone, stop alla vendita dei biglietti alle 17.30 ora di inizio del match. Assente Brumat (squalifica) e de respinis (infortunato). Rientrato in gruppo pirrello dopo l’infortunio. Previsto comunque un vasto turn over.

Gare in contemporanea nell’ultimo turno. Il caso più spinoso è forse quello del Messina. Non tanto per ciò che riserva il campo, ma per quello che potrebbe succedere fuori: il presidente della Lega Pro Gravina ha però tolto i dubbi. Il Messina nella discussione del prossimo deferimento rischia sì, ma al massimo due punti. Se così fosse, i giallorossi devono considerarsi a quota 41. A Vibo comunque svariate combinazioni valgono la salvezza. Fondamentalmente la squadra di Lucarelli non deve perdere con più di due gol di scarto. Qualora ciò avvenisse, la permanenza sarebbe matematica, anche in caso di altri due punti in meno. Mancheranno gli infortunati Ciccone Foresta e Palumbo. Gli altri sono a disposizione

Agguerrito l’Akragas, anche perché per evitare i play out deve vincere a Monopoli e sperare anche nelle altre. >Soprattutto che non vinca il Catanzaro e che la Vibonese si imponga con il Messina.

Rifinitura questa mattina a Cosenza per i biancazzurri di mister Raffaele Di Napoli. Assenti gli ormai infortunati di lungo corso German Cochis e Massimo Bramati. Fermo anche Bruno Pezzella, già assente domenica scorsa. Preoccupazioni per le condizioni di Klaric che non si è allenato per una infiammazione al ginocchio e la Sua presenza è in forte dubbio.

Articoli Consigliati

Top