Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania: Caserta decisiva, ultimo atto o nuovo punto di partenza?

Catania: Caserta decisiva, ultimo atto o nuovo punto di partenza?

Playoff sì, playoff no. Dopo mesi di dubbi, conditi prima da voli pindarici e seguiti poi da contestazioni che non hanno ancora conosciuto un vero e proprio epilogo, i prossimi 90 minuti (gli ultimi di questa stagione regolare) riveleranno se il Catania quest’anno potrà annoverare il suo nome nella griglia playoff, agganciando uno degli ultimi posti disponibili per la fase finale.

90 minuti per l’appunto, perché Caserta è l’ultima chiamata, ultimo tentativo per centrare quello che ad inizio anno (nonostante la gravosa penalizzazione in classifica) era comunque l’obiettivo primario.

Dalla parte di Giovanni Pulvirenti, c’è la buona prestazione (e il successo ritrovato) nel derby del Massimino contro un Siracusa in grande forma, stimolo in più per centrare il target con una vittoria, che a prescindere dal risultato degli avversari, garantirebbe proprio i playoff.

Il Catania non è solo, a battagliare col coltello tra i denti per guadagnarsi un posto ci sono diverse rivali. Prima su tutte la stessa Casertana, non ancora certa della salvezza, che in caso di Ko e contemporanea vittoria di Fondi e Andria, potrebbe clamorosamente restare fuori. In caso di pareggio all’Alberto Pinto di Caserta, il Catania potrebbe comunque avere garantito l’accesso tramite 11° posto, ma dovrebbe sperare in una mancata vittoria dell’Andria o, caso più eclatante, nella sconfitta del Fondi in casa col Catanzaro, differenza reti permettendo. Ultima ipotesi di playoff per i rossazzurri (anche in caso di Ko) rimane quella della sconfitta dell’Andria per via della differenza reti.

Evitare questi calcoli è il proposito del tecnico etneo, ecco perché dopo la doppia seduta nella giornata di ieri, il Catania tornerà in campo nel pomeriggio per una seduta di carattere tecnico-tattico. Lo Monaco ha già tuonato, la squadra ha per metà risposto. Presa di coscienza e mentalità, a Caserta non è ammesso un atteggiamento tiepido, solo così si potrà parlare di un nuovo punto di partenza e non di triste epilogo.

servizio nel Tg

4 maggio 2017

Articoli Consigliati

Top