Ti trovi qui
Home > Apertura > Mafia, in manette 15 esponenti del clan Santapaola – VIDEO

Mafia, in manette 15 esponenti del clan Santapaola – VIDEO

CATANIA

Sono oltre 100 i carabinieri del comando provinciale di Catania ed unità specializzate, che, dalle prime ore del mattino, stanno eseguendo nella provincia un provvedimento cautelare emesso dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale etneo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 15 persone, ritenute appartenenti al “gruppo di Belpasso”, operante prevalentemente in quel comune, quale articolazione territoriale della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola – Ercolano, ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, sequestro di persona, danneggiamento seguito da incendio e riciclaggio, con l’aggravante del metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire l’organigramma del clan, di individuarne i capi ed i gregari. Gli investigatori hanno altresì documentato l’ingente volume di affari illegali della consorteria criminale, riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell’economia locale, il sistema di gestione dell’attività di spaccio di cocaina e marijuana nonché acquisito elementi di prova in ordine ad estorsioni consumate in danno di imprenditori locali alla perpetrazione di rapine nei confronti di autotrasportatori al fine di agevolare l’organizzazione di appartenenza.

A capo del sodalizio malavitoso, il pericoloso e spietato “boss” Navarria Carmelo Aldo, scarcerato e rimesso in libertà nel 2014 dopo 26 anni di reclusione per sei omicidi. che negli anni ’80 era considerato lo “spazzino” –colui che faceva sparire i cadaveri- del clan “Malpassotu” braccio armato di Nitto Santapaola.

Questi gli arrestati: Gaetano Doria, cl. 1969, già detenuto a Siracusa; Michele La Rosa, cl. 1971; Rosario La Rosa, cl. 1978; Carmelo Aldo Navarria, cl. 1962, già detenuto a Siracusa; Patrizia Paratore, cl. 1966; Gianluca Presti, cl. 1981, già detenuto a Catania-Bicocca; Mirko Presti, cl. 1987, già detenuto a Siracusa; Antonino Prezzavento, cl. 1970, già detenuto a Siracusa; Stefano Prezzavento, cl. 1985, già detenuto a Siracusa. Gli altri indagati sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

 

Articoli Consigliati

Top