Ti trovi qui
Home > Cronaca > “LiberaFiumi” all’ Oasi del Simeto: giornata di monitoraggio dei fiumi

“LiberaFiumi” all’ Oasi del Simeto: giornata di monitoraggio dei fiumi

CATANIA

L’hanno chiamata LiberaFiumi, la giornata di tutela, sensibilizzazione e monitoraggio dei fiumi italiani. In Sicilia, il progetto di rieducazione ambientale è curato dall’associazione Orione insieme al WWF Sicilia Nord Orientale Catania che hanno scelto la riserva naturale orientata Oasi del Simeto perché vista la sua natura complessa  e variegata, ogni anno vede il passaggio di milioni di esemplari di fauna migratoria: dai cavalieri d’italia agli aironi, e altre specie protette.

Alla giornata Liberafiumi, che si è svolta lo scorso 30 aprile, per il progetto di alternanza scuola lavoro, hanno aderito gli studenti di due istituti superiori di Catania: il Boggio Lera e il Vaccarini che mentre si trovavano sul sentiero che dal ponte Primosole si dirige verso ovest, hanno visto la suggestiva presenza dell’aquila minore, del Falco di palude e della Cicogna. Gli studenti hanno anche intrattenuto i  più piccoli con il laboratori scientifici e manuali, mentre il gruppo degli adulti ha assisto alla proiezione sull’OASI e successivamente hanno visitato il Centro Polifunzionale.

L’associazione  Orione è in attesa delle foto dei partecipanti al Concorso fotografico “ Simeto: un’Oasi da Scoprire” la cui selezione e scelta del vincitore verrà affidata a tre giudici esperti tra i quali Ilenia Marchese.

Al concorso di disegno “Il Fiume che Vorrei”, hanno partecipato  l’istituto Carlo Alberto dalla Chiesa di S. G. La Punta, il circolo didattico Bellini di Sant’Agata Li Battiati e l’istituto Vittorino Da Feltre di Catania, che ha vinto il concorso con la classe 3 D.

La giornata si è conclusa con il sentiero natura che porta alla vecchia ansa del fiume Simeto, attraversando campi di Sulla, Malvarosa, Latte di gallina di Arabia, Erba viola maggiore, la cardogna e di Borragine.

3 maggio 2017

Articoli Consigliati

Top