Ti trovi qui
Home > Cronaca > Il Capo dello Stato a Palermo in ricordo delle vittime di mafia La Torre e Di Salvo

Il Capo dello Stato a Palermo in ricordo delle vittime di mafia La Torre e Di Salvo

PALERMO

Sono trascorsi 35 anni da quando Pio La Torre e Rosario Di Salvo sono stati uccisi. Vittime di mafia che hanno segnato la storia italiana. Il Capo dello Stato nel capoluogo siciliano, parteciperà alla presentazione del francobollo commemorativo per il 35° anniversario dell’uccisione dei due.

Il 30 aprile del 1982 veniva assassinato a Palermo Pio La Torre. Con lui, nella macchina crivellata dai colpi dei sicari, c’era anche Rosario Di Salvo suo compagno di partito che gli faceva da autista e guardia del corpo.
Il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, che fu nominato prefetto di Palermo immediatamente dopo l’attentato, a chi gli chiedeva perché la mafia avesse ucciso Pio La Torre, rispondeva: «per tutta una vita».
Già, per tutta la vita. Perché le vittime, in quanto tali, restano impresse nelle vite degli altri, per sempre.
Francobollo dedicato a La Torre e Di Salvo

Questa mattina al Teatro Biondo di Palermo, si svolgerà la presentazione del francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “Il Senso civico” dedicato a Pio La Torre e Rosario Di Salvo, emesso dal ministero dello Sviluppo economico.
Alla cerimonia parteciperà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Saranno presenti anche il ministro del Miur, Valeria Fedeli; Rosy Bindi presidente della Commissione Antimafia; il presidente della Regione, Rosario Crocetta; il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone; il vescovo di Palermo, don Corrado Lorefice; il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando oltre che tutte le autorità militari, della magistratura e una delegazione di sindaci siciliani.

Nel corso della mattinata, tre studenti di Palermo, Loano (Sv) e Potenza, in rappresentanza degli oltre diecimila studenti partecipanti al Progetto educativo antimafia promosso dal Centro Studi Pio La Torre, presenteranno i risultati del questionario sulla percezione mafiosa; e nel cortile interno della Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico Sociali (di via Maqueda 172) avverà la scopertura di un busto raffigurante Pio La Torre, realizzato dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Palermo.
Oltre al Presidente della Repubblica, saranno presenti il rettore dell’Ateneo Fabrizio Micari e gli studenti universitari.
Il Coro delle voci bianche del Conservatorio Bellini di Palermo canterà l’inno nazionale e una canzone dedicata a Pio La Torre.

«Il Centro Pio La Torre – ha detto il presidente Vito Lo Monaco – esprime il ringraziamento e il compiacimento per la decisione del Ministero di accogliere la nostra proposta di emettere un francobollo commemorativo per il trentacinquesimo anniversario dell’uccisione per mano mafiosa di Pio La Torre e Rosario Di Salvo».

Queste iniziative seguono quelle realizzate nelle settimane scorse nelle scuole siciliane e altri appuntamenti come quello del 3 aprile scorso, a Comiso, con l’inaugurazione nell’aeroporto “Pio La Torre”, della mostra fotografica dedicata al sindacalista e politico ucciso. Un’iniziativa promossa dal Centro Pio La Torre in collaborazione con la Soaco, l’ente di gestione dello scalo ragusano e con il Comune di Comiso. La mostra, donata dal Centro Studi Pio La Torre, sarà esposta permanentemente.

28 aprile 2017

Articoli Consigliati

Top