Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania, l’insostenibile leggerezza dell’attacco

Catania, l’insostenibile leggerezza dell’attacco

Calil e Paolucci meglio di Tavares e Pozzebon, seppur di poco: quattro reti per i primi due in campionato con la maglia rossazzurra. Tre per la coppia acquistata in inverno e che doveva fare la differenza in casa Catania. Il portoghese e il numero nove hanno risentito del rendimento in picchiata degli etnei, ma non hanno contribuito a migliorarlo.

Questi i gol segnati da Pozzebon e Tavares. Il primo è dell’ex Catanzaro che va in rete contro la Reggina, quando la crisi sembrava ancora lontana e la speranza di finire in alto in classifica ancora viva. Ventitreesima giornata. Belle impressioni. Così come quelle destate da Pozzebon contro il Matera: subito in rete e buona intesa con il compagno di reparto. E’ appena passata Sant’Agata. Tutto sembra profumare di svolta, invece ad Agrigento pochi giorni si apre in pratica la grande crisi che coinvolge tutta la squadra oltre che i due attaccanti. Tiene botta solo Barisic che segna gol importanti a Messina e a Vibo. Tavares si spegne. Pozzebon segna il gol del pareggio al Franco Scoglio e poi si eclissa, complici i pochi palloni giocabili e la condizione non perfetta dell’ultimo periodo, con qualche acciacco. Sta di fatto che i tanto vituperati (a ragione) Calil e Paolucci, almeno stando ai numeri non hanno fatto peggio. La riflessione però è generale: con un attacco che segna col contagocce, pensare di essere protagonisti, è solo un eufemismo.

Articoli Consigliati

Top