Ti trovi qui
Home > Apertura > L’anziana ladra di borsette, il furto e il pentimento. LA STORIA

L’anziana ladra di borsette, il furto e il pentimento. LA STORIA

RAGUSA

Con garbo e delicatezza, gliel’ha soffiata, o meglio rubata da sotto il naso. Le immagini immortalano la ladra di borsette… e pensare che ha 75 anni ed è stata denunciata dalla Squadra Mobile di Ragusa. Una scena che stupisce per la sua naturalezza. Solo che la vittima è un’altra signora di 85 anni, invalida, che si è presentata, disperata e in lacrime, in questura affermando di essere stata derubata della sua borsa con documenti e 1500 euro prelevati poco prima per pagare la badante.

L’ottantacinquenne ha perfettamente ricostruito i fatti ai poliziotti spiegando che la borsa gliel’avevano rubata poco prima in un panificio dove aveva comprato qualcosa da mangiare. Gli investigatori, così, sono tornati nell’esercizio commerciale e hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza.

Come se il conto non fosse il suo, l’anziana borseggiatrice ha approfittato di una distrazione della vittima per agguantare dolcemente la borsa e recarsi all’esterno del panificio. Nelle immagini si ferma sull’uscio, controlla che nessuno la stia osservando e accelera leggermente il passo per dileguarsi.

Poi torna a casa e si pente tanto da raggiungere l’appartamento dell’ottancinquenne e lasciarle i documenti nella buca delle lettere. Poi sentendosi ulteriormente in colpa non ha speso neanche un centesimo del denaro rubato e ha conservato anche la borsa. Era la prima volta che lo faceva.

Non appena i poliziotti hanno bussato alla sua porta, ha confessato tutto consegnando borsa e denaro. Adesso deve rispondere rispondere di furto. Ha chiesto scusa e si è pentita di ciò che ha fatto… insomma una scena da film che ha quasi del tenero.

18 aprile 2017

Articoli Consigliati

Top